Connettiti con

News

Era stato dedicato alla “Biancavilla libera e onesta”: imbrattato il murales del cimitero

L’opera era stata realizzata nell’estate del 2017 per volontà dell’allora “sindaco dei ragazzi” Viola Cantarella

Pubblicato

il

Un gesto che provoca indignazione. Un gesto inqualificabile. Ignoti hanno imbrattato il murales che si trova sul muro esterno del cimitero, a fianco all’ingresso di viale Cristoforo Colombo. Scritte deturpanti sono in “mostra” e quanti sono passati da lì non hanno potuto non accorgersene.

Il paradosso è che il murale, realizzato nell’estate del 2017, era stato dedicato e intitolato alla “Biancavilla onesta e libera”. Un richiamo a valori ben precisi, voluto dall’allora “sindaco dei ragazzi”, Viola Cantarella, che aveva voluto l’opera a nome di tutto il “baby-Consiglio” per dare un segno visibile alla città del desiderio dei bambini di Biancavilla per una comunità migliore.

Ecco perché vedere imbrattato oggi quel murales lascia ancor di più senza parole: non un “semplice” atto vandalico ma l’offesa ad un messaggio sociale e civile che era stato lanciato da piccoli cittadini, evidentemente migliori di chi ha provocato una simile azione.

LEGGI L’ARTICOLO

Murales imbrattato, l’assessore Privitera: «Gesto gravissimo, gli ridaremo dignità»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Si è smarrito un bambino: carabinieri, vigili urbani e volontari cercano Nicolò

Il piccolo ha 8 anni, capelli castano chiaro e indossa una maglietta bianca e un paio di jeans blu

Pubblicato

il

Apprensione a Biancavilla per un bambino di 8 anni, Nicolò, di cui non si hanno notizie dalle ore 18. Si trovava con la famiglia in uno studio medico, all’angolo tra via Antonio Gramsci e via Privitera, quando il piccolo sarebbe stato attratto di un cane. Lo ha seguito fino a smarrirsi.

I familiari lo hanno cercato e chiamato per tutto il quartiere. Ma finora senza esito. Per questo sono in giro una pattuglia dei carabinieri e due della polizia municipale per rintracciare il bambino. A loro si sono aggiunti alcuni volontari della protezione civile.

Nicolò ha capelli castano chiaro, indossa una maglietta bianca Guess, jeans blu e scarpe blu della Puma. Chiunque lo notasse può chiamare il comando dei carabinieri e segnalare la sua presenza per essere ricongiunto ai familiari, residenti in via Matteotti.

AGGIORNAMENTO

Il bambino è stao ritrovato. O meglio, è tornato a casa da solo. Dalla compagnia dei carabinieri di Paternò erano anche arrivati rinforzi. Per fortuna, il piccolo è ora con la sua famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, "Biancavilla Oggi" non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.