Connettiti con

Politica

Viale dei Fiori, Bonanno contro il Pd: «Niente lezioni dai veri responsabili»

Pubblicato

il

«I toni e le accuse utilizzati nel comunicato su Viale dei Fiori diffuso alla stampa dal Pd biancavillese, sono inaccettabili. Non intendo ricevere lezioni da chi nei dieci anni precedenti non è intervenuto in alcun modo, consegnandoci una vicenda che la mia amministrazione ha, invece, voluto affrontare sin da subito».

Lo dichiara il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, in replica al segretario cittadino del Pd, Giuseppe Milazzo, che ha attaccato l’amministrazione comunale, dopo l’ennesimo allagamento dell’importante arteria stradale.

«Ribadisco che dinanzi a piogge di una certa consistenza ed intensità –dice Bonanno– gli allagamenti sono sensibilmente diminuiti grazie agli interventi che abbiamo effettuato negli scorsi mesi, tant’è che tra temporali ed allerte meteo (tra settembre e ottobre) non abbiamo registrato allagamenti. Tuttavia, un altro importante intervento era in programma e verrà effettuato a breve».

«Avevo già evidenziato –continua il primo cittadino– che non si era risolto il problema in modo definitivo ma che si era certamente alleviata la condizione di perenne disagio causata dalla minima caduta d’acqua piovana. Tant’è che, quello di domenica scorsa, è stato il primo allagamento da quando, mesi fa, è stato compiuto l’intervento».

Bonanno sottolinea ancora: «La mia amministrazione comunale quantomeno sta tentando di affrontare in modo serio il problema. Chi non lo ha fatto negli anni passati, oggi provvede a fare polemica ed a strumentalizzare: eppure, se non ricordo male, qualcuno poco tempo fa ha tagliato il nastro all’inaugurazione della strada. Personalmente, non cadrò nel tranello della provocazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Cartalemme, nuova fonte idrica per Biancavilla: Bonanno firma l’ordinanza

Il provvedimento, valido per tre mesi, consente di fare fronte alla penuria di acqua del periodo

Pubblicato

il

Con un’ordinanza emessa in via contingibile e urgente, per 3 mesi – fino al 30 settembre – il sindaco Antonio Bonanno ha disposto l’utilizzo della sorgente privata di “Cartalemme”. Un provvedimento che consente un “rinforzo” per far fronte all’emergenza idrica a Biancavilla (vari disservizi, in particolare, si sono registrati lungo Viale dei Fiori). La soluzione alternativa è motivata dai disagi legati al periodo estivo, con le fonti di approvvigionamento ridotte al minimo. Ma anche alla riduzione dell’erogazione da parte dell’Acoset, uno dei consorzi fornitori.  

L’intesa raggiunta con il Consorzio Cartalemme –grazie al Cda e al presidente Giovanni Bua– mette a disposizione la quota di eccedenza di acqua della sorgente di proprietà. Un beneficio per la comunità biancavillese che non intacca in alcun modo la dotazione idrica a disposizione dei soci del consorzio stesso.

L’acqua che sgorga dalla sorgente privata è stata preventivamente testata dall’Università degli Studi di Catania – Dipartimento “G.F. Ingrassia” Igiene e Sanità Pubblica. «Il campione analizzato – si legge nel responso- possiede le caratteristiche chimiche e microbiologiche che rientrano nei valori di parametro previsti dalla legge».

«Per 3 mesi –dice il sindaco Bonanno– cercheremo, quindi, di contenere i disagi legati all’approvvigionamento idrico. L’amministrazione sta facendo la propria parte. È necessario, però, che tutti facciano altrettanto, compresi i residenti delle zone dove non si registrano disservizi, cercando di limitare i consumi d’acqua potabile. È obbligatorio eliminare gli sprechi e razionalizzare i consumi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili