Connettiti con

Politica

Gli allergici alla “differenziata”, 10mila euro di multe a 200 incivili

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

La multa di 2mila euro all’incivile, registrato da una telecamera nascosta del Comune di Biancavilla, ha fatto una certa eco e sui social è stata applaudita come un evento atteso da anni: il video del malcapitato sporcaccione, divenuto subito virale, dovrebbe ora servire da freno per il popolo degli “incivili della spazzatura”.

Una schiera che, in maniera silenziosa, è stata colpita a più riprese dalla polizia municipale nell’ultimo anno, coincidente con l’insediamento della Giunta Bonanno. I dati lo confermano. Sono oltre 200 le multe, per un ammontare complessivo superiore a 10mila euro, indirizzate a cittadini che hanno esposto il sacchetto della spazzatura in modo non conforme alle regole basilari.

Sono quegli utenti che, soprattutto il giovedì, fanno un “frullato” della propria spazzatura, mettendo all’angolo di casa o appesi al balcone sacchetti di rifiuti mischiati, senza il minimo rispetto delle disposizioni sulla differenziata. Oltre 200 sono stati sanzionati.

In un’occasione, persino il liceo di “Scienze umane” si è beccato una multa di 50 euro per errato conferimento dei rifiuti. Dopo quella “bacchettata”, però, la scuola di via San Placido è ora tra quelle che a Biancavilla eseguono e rispettano la raccolta differenziata alla perfezione.

Azioni di persuasione da parte del Comune sono state rivolte pure ad altre scuole, ad uffici privati, aziende, supermercati, ristoranti, bancarelle del mercato settimanale di via Turati, persino all’ospedale “Maria Santissima Addolorata”. Soggetti mai “sensibilizzati” prima. Mai.

E adesso i risultati si possono vedere nel sito della Regione Sicilia che raccoglie le quote dei rifiuti differenziati per ogni comune dell’Isola. Biancavilla si distingue per una media mensile che sfiora il 70%, un dato che fino ad un anno fa era stato visto soltanto con il binocolo e che ora (senza necessità, peraltro, di pagare più di 60mila euro ad un “esperto ai rifiuti”) colloca il centro etneo tra i comuni più virtuosi della regione.

Resta da annientare ancora la presenza delle discariche abusive che in diverse parti del territorio comunale continuano a formarsi. La misura delle 2mila euro di multa, se non rimane occasionale, potrebbe dare una batosta definitiva agli ostinati che abbandonano rifiuti in luoghi e orari non consentiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Vincenzo

    19 Luglio 2019 at 17:22

    Un plauso sincero a tutta l’amministrazione Bonanno per essere riuscita a sensibilizzare la comunità Biancavilla ,sebbene ancora vi siano degli irriducibili che non vogliono convertirsi al senso civico ,a considerarsi comunita’ . Riguardo la differenziata,grande risultato raggiunto ma ancora perfettibile. Biancavilla siamo ognuno di noi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Incivili della spazzatura “beccati” dalle telecamere: multe “salate” a Biancavilla

In trappola una decina di cittadini che hanno lasciato, in modo illecito, rifiuti nel centro storico

Pubblicato

il

Beccati alcuni sporcaccioni che insozzano di rifiuti il centro storico di Biancavilla a tutte le ore del giorno e della notte. Grazie ad alcune telecamere piazzate in punti invisibili, alcuni di loro sono stati “smascherati”. Le immagini non lasciano margini di dubbio. Sia di notte che di giorno c’è chi “deposita” in maniera illecita i rifiuti sulla pubblica via.

Grazie alle immagini, saranno notificati una decina di verbali. I trasgressori pagheranno una multa 600 euro, secondo quanto prevede la legge. Se si tratta di operatori commerciali – alcuni casi riscontrati rientrano in questa fattispecie – alla reitera del verbale scatta la sospensione dell’attività commerciale. 

«A fronte di un servizio di raccolta differenziata che pone Biancavilla tra i comuni con la percentuale più alta in Sicilia –dice il sindaco Antonio Bonanno– non si può pretendere di piazzare qualsiasi tipo di rifiuto a tutte le ore del giorno. Da tempo – come tutti sanno – c’è un calendario con le indicazioni che riguardano il rifiuto da conferire e gli orari da osservare: dalle 19 alle 5 del mattino».

«I “distratti”, ma anche i furbi e gli incivili –assicura il sindaco– avranno dura la vita. Il comportamento di pochi non può compromettere la bontà dei risultati fin qui raggiunti. Ringrazio l’assessore Vincenzo Mignemi per l’ottimo lavoro che sta coordinando per rendere pulita e vivibile la nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili