Connettiti con

Fuori città

«Insieme oltre le barriere… mentali», incontro tra “Cenacolo” e Lions club

Pubblicato

il

La Comunità terapeutica assistita “Cenacolo Cristo Re” di Biancavilla, unitamente al Lions Club di Trecastagni, hanno organizzato nella sede del comune pedemontano un incontro-confronto sul tema “Lo Sport abbatte le barriere… mentali – Racconto di un’esperienza condivisa”.

Dopo i saluti del presidente del Club ospitante, Eugenio De Luca, ha preso la parola Giosuè Greco, direttore generale dell’Opera Cenacolo, che ha elogiato la collaborazione, già da tempo avviata tra le due realtà associative, rivolta ad organizzare degli eventi sportivi non agonistici a favore dei disabili psichici.

A seguire, gli interventi del pedagogista Salvuccio Furnari, dell’educatore della Cta Filadelfio Grasso e della psichiatra Vera Trassari, che nelle loro relazioni hanno evidenziato, dai vari punti di vista specifici per ruolo e funzioni, i vantaggi dei percorsi riabilitativi e clinico-socio-pedagogici da parte degli utenti attraverso le pratiche sportive.

Toccanti sono state le testimonianze di alcuni utenti ospiti nella comunità residenziale, per l’occasione accompagnati da Daniele Greco, che hanno raccontato, emozionando i presenti, la loro partecipazione al torneo di calcetto a cinque “In campo… con un pizzico di follia!”, svolto a Biancavilla con il coinvolgimento di diverse strutture riabilitative del territorio etneo, organizzato dai Clubs della V circoscrizione del Lions International Distretto Sicilia.

Le conclusioni sono state sintetizzate da Salvo Giacona, past presidente del Consiglio dei Governatori che ha evidenziato la sinergia tra Lions ed Enti che operano a favore delle persone con difficoltà, rilevando il tema internazionale del Lions “We serve – Sport e integrazione”.

Nell’occasione, la Cta ha donato un pannello fotografico riepilogativo dei momenti salienti del torneo calcistico, ricevendo dal presidente il guidoncino del Club.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fuori città

Giovanni Lau, biancavillese d’adozione nominato cavaliere dal Capo dello Stato

Onorificenze del presidente Sergio Mattarella, cerimonia con il prefetto al teatro “Bellini” di Catania

Pubblicato

il

Cerimonia di consegna, al teatro “Bellini” di Catania, dei diplomi agli insigniti delle Onorificenze dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”. A ricevere il titolo di cavaliere anche un biancavillese d’adozione, l’ing. Giovanni Lau.

I titoli, concessi dal Presidente della Repubblica il 27 dicembre 2021, sono destinati a coloro che si sono distinti per meriti verso la Nazione. Il prefetto Maria Carmela Librizzi, insieme ai ragazzi di “Musicainsieme a Librino”, hanno nominato Commendatore anche gli attori Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina.

La cerimonia, nell’ambito del 76esimo anniversario della Repubblica, è stata presentata da Salvo La Rosa. A parteciparvi, anche il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno, sul palco assieme a Giovanni Lau e al prefetto.

«A Giovanni Lau –ha detto Bonanno– vanno le mie felicitazioni e il mio ringraziamento per quanto fatto in favore della comunità biancavillese. Tra le sue opere meritorie si annovera anche la donazione di un defibrillatore, installato proprio all’ingresso della Casa comunale. Il Tricolore che da stasera adorna il Teatro Massimo Bellini di Catania illumini anche i nostri cuori e li riempia di autentico orgoglio: l’orgoglio di essere italiani».

A conclusione, il Concerto per la Repubblica eseguito dall’Orchestra del Teatro Massimo Bellini diretta dal Maestro Fabrizio Maria Carminati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili