Connettiti con

News

Rifiuti, premiati i comuni migliori: Biancavilla non brilla e precipita

Pubblicato

il

Riconoscimenti regionali per la “differenziata” nel 2017. Biancavilla menzionata solo per il “porta a porta” e una raccolta del 44%. E nel 2018 spicca per essere precipitata sotto il 35%. Bisogna riparare il disastro.

 

di Vittorio Fiorenza

La Regione Siciliana, in una cerimonia, ha riconosciuto la buona amministrazione di sindaci, assessori, funzionari e aziende di gestione dei rifiuti con riferimento alla raccolta differenziata: 37 sono i Comuni che hanno superato la soglia del 65% di raccolta minima prevista per legge (nel 2016 erano 23) e 71 sono quelli che si attestano tra il 50 e il 65% (nel 2016 erano 51).

Nelle due fasce delle località virtuose non figura affatto Biancavilla, che non può dirsi al top delle amministrazioni siciliane. Il nostro Comune, come tanti altri nell’Isola, si deve accontentare soltanto di una “menzione speciale”, dovuta al fatto che è operativo il servizio “porta a porta” di raccolta dei rifiuti (ma lo è, per la cronaca, già dai tempi dell’amministrazione Manna).

Si badi bene: i dati su cui si basano i riconoscimenti regionali si riferiscono al 2017, anno nel quale Biancavilla ha raggiunto il 44% della quota differenziata, percentuale per la quale non si possono certo strappare bottiglie di spumante.

LEGGI L’ARTICOLO

Differenziata, flop di Biancavilla: è tra i 10 peggiori comuni etnei

I dati relativi ai mesi del 2018, peraltro, sono di tutt’altro genere: Biancavilla – come abbiamo già raccontato –  è precipitata, infatti, al di sotto del 35% di differenziata, cioè sotto la soglia d’allarme fissata dall’ordinanza del governatore Nello Musumeci. In particolare, Biancavilla figura in questo momento tra i 10 comuni peggiori della “Srr Area metropolitana di Catania”, al punto che, entro il 31 maggio, dovrà fornire un cronoprogramma di interventi per invertire la tendenza e riparare al disastro attualmente in corso.

Questa, in sintesi, la reale ed aggiornata fotografia della gestione rifiuti a Biancavilla, nel contesto metropolitano e regionale, con riferimento al 2017 e ai primi mesi del 2018. Numeri che non si possono interpretare. Tutto il resto è “propaganda di fine stagione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Impennata Covid, a Biancavilla il 30% di casi in più negli ultimi 15 giorni

Sono 183 i biancavillesi con positività al virus: +32 “nuovi ingressi” registrati in due settimane

Pubblicato

il

Non se ne parla, i “bollettini” hanno interrotto la loro periodicità. Ma il Covid non arretra. Anzi, secondo gli ultimi dati verificati da Biancavilla Oggi, nella nostra città c’è –in linea con il trend nazionale– un aumento dei nuovi casi.

Se confrontiamo le statistiche delle ultime due settimane, l’incremento dell’incidenza della positività al coronavirus è balzata di circa il 30%. Se 15 giorni fa, le persone positive a Biancavilla erano un centinaio, adesso quelle registrate sono 183. Nello specifico, i “nuovi ingressi” sono 32, quindi circa il 30% in più rispetto a due settimane fa.

Un salto non indifferente. Ma il dato –riferito al quadro offerto dall’Asp di Catania e dalla struttura commissariale Covid– è da ritenere sottostimato. C’è una realtà sommersa. A causa dei test che si fanno a casa, tanti casi di positività non vengono comunicati ufficialmente o arrivano alle autorità sanitarie con ritardo.

Da qui, la necessità della prevenzione e delle accortezze da seguire quando si frequentano luoghi pubblici. E per chi rientra nel target di età o di “fragili” condizioni di salute, l’opportunità della quarta dose del vaccino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili