Connettiti con

Cultura

Premio nazionale per il poeta biancavillese Salvatore Greco

Pubblicato

il

salvatore-greco-vince-premio-di-poesia

Salvatore Greco nel momento della premiazione a Senigallia

Il poeta biancavillese 63enne Salvatore Greco (in paese è conosciuto da tutti come “u ragiunieri”) ha vinto il secondo premio di “Poesia nel borgo”, concorso nazionale di poesia in lingua italiana e dialettale.

Il suo componimento, intitolato “Qualcuno”, è stato apprezzato dalla giuria, che ha riservato parole entusiastiche per motivare il riconoscimento: «Per le significative immagini delle umane vicissitudini, per la sincerità e la semplicità con le quali è rappresentata la vita da cui ci si può riscattare, dimenticando le delusioni. Linguaggio chiaro e diretto».

L’evento è stato organizzato a Senigallia dall’Associazione promotrice Montignanese, dal Centro sociale Adriatico e dalla biblioteca comunale “Luca Orciari”.

Per Greco è stato un sogno nel cassetto che ha tenuto per più di 40 anni e che ora ha realizzato con la partecipazione a questo concorso. La sua prima partecipazione ad un’iniziativa poetica con versi che sono stati molto apprezzati. Emozionato il suo commento: «È bastato solamente un minuto per ripagare tutto il mio vissuto».

QUALCUNO
E’ quando vivere ormai, non t’importa,
all’improvviso senti bussare alla porta,
qualcuno, senza un’apparente ragione,
che ti scatena un’inspiegabile emozione.

Ricordi quel treno che non hai mai preso,
deluso da un giovane amore ti sei arreso,
in soffitta hai deposto valigie e bagagli
e tutti gli scritti, per lei, su bianchi fogli,
quel tuo talento che ti era stato affidato,
insieme al suo negato amore sotterrato .

Ora qualcuno ti dice che non è mai tardi,
prendi allora l’arco armato di nuovi dardi,
in quel buongiorno dell’anima mattutina,
dimentichi che hai passato la sessantina,
muta l’amore giovane dal corpo attraente
a nuova vita in una dolce anima sognante.

In soffitta vai a recuperare i vecchi bagagli
impolverati e ingialliti, sono i bianchi fogli,
quel talento nascosto vai a dissotterrare,
hai ritrovato la stima, ti puoi rivalutare.

La vita offre un’altra piccola possibilità
a te operaio che lavori con tanta umiltà,
ritorna a cantare le tue dolce melodie,
che il cuore detta nuovi versi di poesie.
nell’anima pone radici una nuova pianta,
così la vita può ricominciare da sessanta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. giulia

    9 Settembre 2015 at 18:48

    Buonasera a tutti sono una biancavillese emigrata fuori, è bello sapere che abbiamo dei talenti nel nostro paesino. Mi ha fatto molto piacere leggere questa poesia molto bella semplice ma decisa , è vero la vita può ricominciare a qualsiasi età, bisogna avere il coraggio bravo sig. greco Complimenti………….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Un avvincente viaggio con Alfio Lanaia ne “La Sicilia dei cento dialetti”

Dopo il grande successo di “Di cu ti dìciunu?”, un nuovo straordinario volume dello studioso biancavillese

Pubblicato

il

Il suo precedente volume, “Di cu ti dìciunu?“, una puntigliosa ricerca che raccoglie 1200 soprannomi personali e familiari di Biancavilla, ha registrato un travolgente successo. E la casa editrice “Nero su Bianco” ha dovuto provvedere alla ristampa. In tanti – anche all’estero, persino in America, tra i figli e i nipoti di biancavillesi emigrati – hanno apprezzato il lavoro del prof. Alfio Lanaia.

Così, l’autore, sempre per la nostra casa editrice, firma un nuovo, straordinario studio, questa volta con un raggio d’indagine allargato a tutta l’Isola. Si intitola “La Sicilia dei cento dialetti” il volume dedicato alle parole che attraversano i secoli per raccontarci storie e curiosità dell’evoluzione linguistica regionale.

Si comincia con la pasta alla norma e si chiamano in causa un soprano di nome Giuditta e una cuoca di nome Saridda. Poi si passa alla gazzosa e il racconto ci catapulta agli albori della storia, della letteratura e della filosofia. Diciamolo: la gente di Sicilia è strurusa, ma siamo anche un po’ tutti streusi. E non mancano strafallàri e lafannàri. Vi siete mai chiesti perché i birichini sono cunnuteddi? E perché in Sicilia la seccatura è una gran camurrìa? Per questa còppula di subbicenzu. Ecco: abbissati semu.

In un compromesso tra divulgazione e rigore scientifico, Alfio Lanaia (con la prefazione di Iride Valenti dell’Università di Catania) ci accompagna in un appassionante viaggio linguistico, con piglio ironico ed arguto, riservandoci punti di osservazione privilegiati ed originali.

Ci fa scoprire, così, quella dialettalità antica e nuova che nell’Isola resiste e si rigenera, nell’uso orale quotidiano, nelle opere letterarie, sul web, nelle app di messaggistica e nei social network. Pagina dopo pagina, la scoperta suscita una meraviglia crescente per quello che le parole sanno raccontare e per la storia che veicolano. Un volume da leggere con sorriso ed intelligente divertimento.

►ACQUISTA IL VOLUME

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili