Connettiti con

Cronaca

Lite per futili motivi: un 32enne finisce all’ospedale per una coltellata

Pubblicato

il

Si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla insanguinato e con diverse escoriazioni. Finite le medicazioni, l’uomo, un rumeno di 32 anni, ha raccontato ciò che era successo.

Tutto è nato da una lite, per futili motivi, con un suo connazionale, un bracciante agricolo di 28 anni.

Sarebbe stato quest’ultimo ad aggredire il 32enne, prima prendendolo a pugni, poi ferendolo con un coltello a serramanico.

Entrambi sono residenti a Santa Maria di Licodia. I militari, acquisite le informazioni, hanno denunciato per lesioni personali aggravate il presunto aggressore.

La vittima, secondo i medici dell’ospedale biancavillese, ha riportato «due ferite da punta e taglio al fianco destro, contusioni escoriate alla regione parietale sinistra e una piccola ferita lacero contusa alla radice del naso». La prognosi è di dieci giorni.

© RIPRPDUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti