Connettiti con

News

Nassiriya undici anni dopo, omaggio alla tomba di Massimiliano Bruno

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Il colonnello Alessandro Casarsa, comandante provinciale dei carabinieri di Catania, è stato in visita alla cappella comunale del cimitero di Biancavilla per rendere omaggio alla tomba di Massimiliano Bruno, il militare dell’Arma di origini bolognesi, che prestò servizio alla stazione biancavillese, morto nell’attentato di Nassiriya. Nell’undicesimo anniversario della strage in Iraq, che fece 19 vittime italiane, tra questi pure il catanese Horatio Majorana, l’ufficiale ha partecipato ad una breve cerimonia a cui hanno preso parte anche alcuni familiari, il sindaco Giuseppe Glorioso e il prevosto della chiesa madre, padre Pino Salerno.

«Come poter dimenticare quel senso di smarrimento e dolore di fronte a quei giovani corpi martoriati,  vittime predestinate del fanatismo religioso e ideologico che in modo barbaro cercava di ricacciare indietro quei missionari in divisa, semplici ambasciatori di pace?», è l’interrogativo che si legge nel comunicato della sala stampa del comando provinciale dei carabinieri.

In mattinata, l’amministrazione comunale ha dedicato poi un altro momento, allargato anche agli alunni delle scuole e ai volontari delle associazioni locali, in ricordo di quella strage, nel largo dei Caduti di Nassiriya, proprio dove si trova la Grotta di Sberno, con l’intonazione di inni e i discorsi commemorativi.

In particolare, il pensiero è stato rivolto a Massimiliano Bruno. Aveva 40 anni, maresciallo dei carabinieri, biologo in forza al Raggruppamento Investigazioni scientifiche (Racis) di Roma, viveva con la moglie a Civitavecchia. Aveva conosciuto lei, originaria di Santa Maria di Licodia, nel periodo in cui prestò servizio presso la stazione di Biancavilla. Ecco perché la salma, per una serie di circostanze e la disponibilità dimostrata dall’allora amministrazione del sindaco Mario Cantarella, riposa al cimitero di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Lo spartitraffico diventa “galleggiante” lungo viale dei Fiori a Biancavilla

Acquazzone d’agosto con disagi per gli automobilisti non soltanto per il consueto tratto allagato

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Solito acquazzone, solito copione lungo viale dei Fiori, a Biancavilla. Stavolta, però, con una variante, che riguarda lo spartitraffico “New Jersey” posato su un tratto di strada alcune settimane fa. Gli elementi in plastica che separano le corsie sono diventati “galleggianti” a causa del consueto accumulo di acqua piovana.

Diversi blocchi separatori sono finiti per “invadere” una delle corsie, aggiungendo ulteriore disagio agli automobilisti in transito.

La separazione “morbida” delle due corsie si lega alla presenza delle strisce pedonali rialzate. Tutto ciò -nelle intenzioni del Comune- dovrebbe favorire in maniera sensibile la riduzione della velocità dei veicoli ed escludere del tutto i salti di corsia.

Se la presenza delle “barriere” in plastica ha già evitato sorpassi azzardati, resta da risolvere l’accumulo di acqua. Un “fenomeno” presente fin dall’inaugurazione del “nuovo” viale dei Fiori, avvenuta con la passata amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili