Connettiti con

Editoriali

Biancavilla Oggi, boom di visite: mancava un’informazione così

Bilancio entusiasmante del primo mese di pubblicazioni: in appena 30 giorni superate le 30mila visite. Grazie a tutti voi. Continueremo su questa strada. Seguiteci.

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Logo Editoriale

«Hai saputo dei ragazzi che scavalcano il cancello della “Luigi Sturzo” per trovare un posto in cui giocare? Assurdo e triste: ancora oggi sono costretti a fare quello che facevano noi. Che paese perso. L’ho letto su Biancavilla Oggi. Ci sono pure le foto». La conversazione tra due signori che attendono il proprio turno in farmacia vale più di qualsiasi sondaggio o rilevatore di appeal. Di episodi simili ce ne riferiscono diversi, dal bar al ristorante, dall’ufficio postale al mercato, tra le bancarelle.

Biancavilla Oggi, nel suo primo mese di pubblicazioni, lanciato ad agosto, soltanto via Facebook, quando tutti erano ancora distratti dalla spiaggia, ha fatto il botto. Cioè si è fatto sentire, eccome.

Per tanti biancavillesi, è ormai un’abitudine quotidiana collegarsi con il sito ed apprendere notizie o leggere punti di vista, che altrimenti non avrebbero e non apprenderebbero da nessun’altra parte.

I dati, dal 1° al 30 settembre, di Google Analytics, plugin che monitora e certifica la performance del sito, non lasciano spazio ad interpretazioni: 31.021 visite effettuate da 11.553 utenti, che hanno prodotto la visualizzazione di 58.756 pagine.

Un risultato enorme per siti, come questo, che hanno un raggio d’azione su un territorio limitato. Inutile aggiungere che siamo molto soddisfatti. E abbiamo tutti gli elementi per prevedere che il prossimo mese, quei numeri saranno ancora superiori.

È il segno evidente che a Biancavilla mancava un canale di informazione indipendente, slegato da interessi e logiche commerciali. Continueremo su questa strada. Seguiteci anche voi, come avete fatto in queste prime settimane.


FOCUS

SETTEMBRE 2014: gli articoli più letti del mese

LEGGI GLI EDITORIALI

Saremo l’altra informazione: cani da guardia e non da compagnia di Vittorio Fiorenza

Un giornale senza padrini, indice di grande serietà di Concetto Mannisi


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Di nuovo Pasqua: “a Paci” di Biancavilla tra cicatrici sociali e drammi globali

Dopo due anni tornano riti e processioni antiche: l’evento ci educhi al senso del collettivo e della legalità

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

EDITORIALE

Non abbiamo fatto in tempo ad uscire dallo stato d’emergenza sanitaria che un nuovo evento, d’incidenza planetaria, irrompe nelle paure individuali e nella psicosi collettiva. Il conflitto russo – ucraino non ci riporta soltanto dentro le pagine di una storia che pensavamo definitivamente chiusa nei manuali. Ci rimette di fronte all’incertezza dell’avvenire, alla debolezza degli organismi internazionali. E mentre le retoriche di parte tirano a disorientarci, restano le vittime silenziose. I congiunti di chi ha perso la vita o combatte in prima linea, chi ha già perso tutto ed è profugo. Loro insegnano che non c’è mai guerra che si vince.

Eppure, la Pasqua viene per il mondo. Ci riporta alle due condizioni dell’esistere: alla prova e alla gioia. Si ritorna visibili per le strade a parteciparci l’umanità.

E in questo lembo di mondo che si chiama Biancavilla tornano le processioni, si ritorna a sperare. Siamo stati un’Addolorata o un Mistero, ma ci ha abitati una promessa: quella Paci che è esplosione. Vita che ci sorprende dentro la vita.

E mentre vogliamo riappropriarci, seppur con cicatrici individuali e sociali, di quella normalità che ci manca da oltre due anni, ci sentiamo uniti nella drammaticità degli eventi globali. E nella tragedia ci scopriamo vivi, tra il Getsemani e l’alba del terzo giorno.

Ma il biancavillese si rappresenta come un deluso. Estraneo a un sistema che nei fatti si accetta con compiacenza. E che venga Pasqua per educarci al senso del collettivo, a una legalità non di facciata, a prendere posizione contro il malcostume, che ci insegni a esigere dalle istituzioni, che non ci faccia mendicare diritti come favori.

Solo così avremo il coraggio di dire che amiamo questa terra e a Paci l’avremo noi fatta col mondo. Ci faremo l’abito nuovo da esibire nella piazza Roma della conquista sociale. Sapremo restare. È utopia attendere la Pasqua a Biancavilla?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili