Connettiti con

Cronaca

Droghe sintetiche in tasca, arrestato a Catania un 30enne di Biancavilla

Operazione dei carabinieri in un palazzo di via Tripolitania, poi proseguita nell’abitazione del giovane

Pubblicato

il

È stato sorpreso con un quantitativo di droghe sintetiche a Catania. I carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di piazza Dante hanno arrestato un 30enne pregiudicato di Biancavilla. Il reato contestato è la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari si sono insospettiti per la presenza di un continuo andirivieni da un palazzo di via Tripolitania. Hanno così cominciato un monitoraggio, fino all’arrivo del 30enne, alla guida di una Nissan Qashqai. Il giovane, dopo aver parcheggiato la macchina si è avvicinato a piedi verso il portone del palazzo. I carabinieri lo hanno sentito mentre col cellulare comunicava, con un messaggio vocale, con qualcuno, chiedogli di aprire per farlo entrare.

È a questo punto che i militari sono entrati in azione. Sottoposto a perquisizione, al giovane di Biancavillane sono stati trovati 13 grammi di Ketamina ed altri 15 grammi di sostanza tipo MD-MA. Droghe sintetiche custodite nelle tasche dei pantaloni.

Il 30enne, forse per evitare più gravi conseguenze giudiziarie, ha spontaneamente dichiarato ai militari che deteneva altra sostanza stupefacente presso la sua abitazione. E qui, in effetti, i carabinieri hanno trovato nella camera da letto, custoditi in una scrivania, un bilancino di precisione ed un popper contenente sostanza liquida, mentre in cucina è stato trovato materiale utilizzato per il confezionamento dello stupefacente.

Per il giovane, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto e disposto per lui l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Olio esausto all’ingresso dei seggi elettorali del plesso “Don Bosco”

Gesto vandalico o di protesta? Presidenti e scrutatori hanno dovuto attendere la pulizia del luogo

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Olio esausto sparso sulla porta e i gradini d’ingresso di uno degli edifici del plesso elementare “Don Bosco” del quartiere Cicalisi, a Biancavilla. La sostanza e la bottiglia in plastica che la conteneva sono state trovate nel padiglione B che ospitano le sezioni 16 e 17.

I presidenti e scrutatori, impegnati nelle operazioni per queste elezioni europee, avrebbero dovuto procedere con i consueti preparativi per la costituzione dei seggi. Ma non è stato possibile accedere ai locali. I funzionari del Comune hanno dovuto chiamare una ditta specializzata perché pulisse l’area.

Il fatto sarebbe accaduto con ogni probabilità questa notte. Sul gesto intenzionale non ci sono dubbi. Si tratta di capire il valore: azione vandalica o gesto politico di protesta? Certo è che chi l’ha compito ha scavalcato la recinzione del plesso scolastico (appartenente al Primo circolo didattico) per poi gettare la sostanza oleosa e lasciando a terra la bottiglia. Sul posto, è intervenuta una pattuglia della polizia locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti