Connettiti con

Cronaca

Ss 284, inflessibilità “svizzera”: multato a Biancavilla per… 1 km/h in più

Sanzionato un automobilista per un eccesso di velocità segnalato dal sistema di autovelox

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Multato perché ha superato di 1 km/h il limite massimo di velocità consentito (fissato in 70 km/h) sul tratto di strada. È quanto capitato ad un automobilista di Biancavilla, che si è visto recapitare il verbale a firma del comandante della polizia municipale Vincenzo Lanaia.

Proprio così: il conducente ha superato il limite di 1 km/h. L’auto andava a 71 km/h (tenendo già conto della tolleranza di legge). Una precisione e una inflessibilità da fare invidiare persino le rigorose autorità svizzere.

L’infrazione al Codice della strada è avvenute sulla Ss 284, nel tratto di Biancavilla, dove è installato il sistema automatico di rilevamento della velocità. L’autovelox ha registrato il superamento del limite e ha prodotto la documentazione fotografica e analitica. Da qui, il lavoro di identificazione e notifica del comando della polizia municipale sulla base dei rilievi della strumentazione tecnica.

L’infrazione, commessa su un’arteria in cui non vi è l’obbligo della contestazione immediata, comporta per l’automobilista una sanzione minima di 42 euro. Sanzione che va pagata con altrettanta celerità “elvetica”, altrimenti l’importo sarà ben più consistente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. CLAUDIO

    13 Aprile 2022 at 16:12

    IN SVIZZERA SE ECCEDI DI 1KM/H NON C’è SOLTANTO LA MULTA “SALATISSIMA” MA ANCHE IL SEQUESTRO DELLA PATENTE, MA OVVIAMENTE OGNI CANTONE HA LA SUA LEGGE! IO MI RIFERISCO AL CANTONE FRANCESE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Lite con coltello: 66enne di Biancavilla arrestato per tentato omicidio

Diverbio tra proprietari di terreni attigui, la vittima trasportata al “Maria Santissima Addolorata”

Pubblicato

il

Arrestato dai carabinieri un 66enne di Biancavilla con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Avrebbe colpito un coetaneo di Adrano con diversi fendenti. Adesso si trova rinchiuso nel carcere di Noto. I fatti sono stati ricostruiti dai militari, dopo che la vittima si è presentata nella stazione di Adrano, chiedendo aiuto.

L’uomo, che aveva vistose ferite da taglio in diverse parti del corpo e in particolare al collo e al volto, è stato immediatamente soccorso dai carabinieri. Chiamata un’ambulanza, è stato trasportato all’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla.

Secondo quanto appurato dai militari, il 66enne adranita, proprietario di alcuni appezzamenti in contrada Irveri, aveva avuto un diverbio con il padrone dei terreni attigui, un 66enne di Biancavilla, per questioni relative ai confini dei fondi. La discussione si era però tramutata in una vera e propria lite, al termine della quale il biancavillese aveva usato un coltello da cucina, ferendo l’altro. Ferite con una prognosi –stabilita dai medici di Biancavilla– in 10 giorni.

Svolte le indagini, i carabinieri hanno quindi rintracciato l’aggressore nella sua abitazione. Qui è stato trovato con la maglietta ancora sporca di sangue ed in possesso del coltello appena utilizzato. Immediato l’arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili