Connettiti con

Biancavilla siamo noi

Strisce blu, multato nonostante il pass disabile: una vergogna che deve finire

Ancora un’altra segnalazione di un nostro lettore: «La mia è una necessità, non voglio un privilegio»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Sono un biancavillese che da anni vive fuori per lavoro. In questi giorni di ferie ho fatto rientro in paese. Racconto a Biancavilla Oggi quanto mi è accaduto, a dir poco spiacevole ed imbarazzante.

Ho parcheggiato la mia auto in via Vittorio Emanuele, esponendo sul cruscotto, ben in vista, il pass disabili regolarmente in mio possesso. Dopo circa 1 ora e mezza, tornando a riprendere la mia auto, ho trovato la multa sul parabrezza.

Ho aspettato l’ausiliario della sosta per chiedere delle spiegazioni, in quanto so che ai possessori di pass disabili è consentita la sosta. Una volta arrivato, l’ausiliario, in modo molto garbato, ha asserito che chi dispone di “pass invalidi” debba comunque pagare la sosta. Tutto ciò in virtù di “ordini superiori” e secondo il mandato che sarebbe stato concordato tra Comune ed Ente gestore della sosta.

La stessa cosa mi è stata confermata dal titolare dell’azienda che gestisce il servizio e che ho personalmente contatto telefonicamente.

Sicuramente io pagherò la sanzione di 5 euro. Ma mi chiedo: questa situazione è una cosa giusta? O l’amministrazione comunale dovrebbe intervenire e far sì che, chi in regolare possesso di pass, possa non pagare la sosta, in mancanza o nella indisponibilità di spazi per disabili?

E ancora: visto che questo accordo di tipo privatistico non è normato dal Codice della strada, considerando che in almeno l’80% del territorio nazionale chi possiede il pass disabili è esente dal pagamento (ai sensi dell’art. 7 del CdS), non è il caso di intervenire? Lo si faccia, per esempio, aggiornando la segnaletica stradale, in modo da rendere esplicita tale norma. O si deve avere la palla di vetro e sapere dove si paga e dove no?

Sempre al telefono, il responsabile della ditta mi ha riferito che nei vari comuni ove lui ha l’appalto, ci sono quelli in cui chi ha pass disabili paga ed altri in cui non si paga. Gli ho chiesto, quindi, come possa fare l’utente (soprattutto non residente) a sapere come regolarsi. Non mi ha dato risposta e ha chiuso la telefonata.

Avere il pass disabili non è un privilegio, ma una necessità. Vi assicuro che rinuncerei a tutti i pass del mondo se solo potessi avere le possibilità che un normodotato possiede.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
4 Commenti

4 Commenti

  1. Francesco

    9 Settembre 2021 at 13:22

    Condivido il commento di Franco, il diritto al parcheggio è una cosa, il privilegio di non pagare è un’altra.

  2. lorena

    9 Settembre 2021 at 11:27

    Sig. Salvatore, purtroppo non è come dice lei, in Italia, il disabile, per legge, può parcheggiare gratuitamente solo negli spazi a lui riservati, ma deve pagare nelle strisce blu, e non esistono leggi che dicono il contrario, giusto o sbagliato, condivisibile o meno. C’è da dire che ogni comune con regolamento apposito può prevedere una deroga. Anche la Cassazione con tante sentenze ha stabilito così. basta studiare…o quanto meno informarsi.

  3. SALVATORE

    27 Agosto 2021 at 15:31

    Il malcapitato -a differenza di quanto dice FRANCO, ha tutto il diritto di lamentarsi perché in buona parte d’Italia il disabile parcheggia gratuitamente. E’ da ritenere una questione di civiltà, non c’entra nulla la morale. E per parcheggiare gratuitamente la normativa esiste a cui il Comune può rifarsi. Il problema è che non l’hanno previsto nel contratto. Una grave mancanza e disattenzione.

  4. Franco

    26 Agosto 2021 at 20:01

    In realtà non esiste una legge che consenta al disabile munito di pass di parcheggiare nelle strisce blu senza pagare, pertanto sarebbe stato doveroso riportare nell’articolo almeno la normativa corretta. Capisco che moralmente possa dare fastidio, ma il malcapitato non ha proprio nulla di cui lamentarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Biancavilla siamo noi

Una fila di 4 ore e mezza all’Ufficio Postale di Biancavilla: ma è normale?

Una nostra lettrice segnala una situazione diventata insopportabile: «Non siamo carne da macello»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Volevo segnalare a Biancavilla Oggi l’inadeguatezza dell’Ufficio Postale di via Benedetto Croce per una organizzazione non in linea con i canoni di efficienza e civiltà. Non me la prendo con gli impiegati allo sportello, che fanno il loro lavoro. Il problema riguarda scelte aziendali non corrispondenti al buon servizio per il numero di utenti di una comunità che conta 23mila abitanti.

In data 2 novembre dovevo inviare un pacco e mi sono munita del numero tramite smartphone, notando che prima di me vi erano oltre 50 altri utenti. Pazienza. Ma non mi aspettavo un’odissea. Ho dovuto aspettare il mio turno per diverse ore, riuscendo ad effettuare la spedizione alle 15.30. Ebbene sì, 4 ore e mezza dopo.

Degli otto sportelli presenti in ufficio soltanto quattro erano operativi. Si aggiunga che c’erano anche gli utenti prenotati. Da notare che c’erano persone che stazionavano allo sportello anche oltre mezz’ora per loro pratiche. In tutto questo non sono mancate proteste, urla, scene di persone anziane esasperate per una così lunga attesa.

Mi chiedo cosa attende la direzione di Poste Italiane per prendere atto che l’ufficio di Biancavilla è sottodimensionato rispetto al numero dell’utenza? Perché non viene compreso che, quantomeno in alcune specifiche giornate del mese, il personale in servizio necessita di essere raddoppiato?

Da anni a più riprese sento dire della necessità di aprire un altro ufficio, per esempio nella zona alta del paese. Un ufficio che possa alleviare i disagi che i biancavillesi subiscono all’ufficio postale.

A scanso di equivoci, vorrei precisare che sono una utente che da anni ha canalizzato su conto corrente le bollette di casa e che usa le soluzioni online per tutte le operazioni possibili (bonifici, pagamenti di tributi, ricariche telefoniche…). Il mio unico motivo per recarmi all’ufficio postale è quello delle spedizioni. Ma tutte le volte è sempre la stessa storia: lunghe attese. E siamo nel 2021. Si provveda a dare una soluzione. I cittadini di Biancavilla non sono carne da macello.

ANNA MARIA LONGO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili