Connettiti con

Storie

Da campione mondiale a formatore: il barber Peppe Diolosà non si ferma mai

Ennesimo riconoscimento per l’acconciatore, aggiunto al team di una prestigiosa realtà di Milano

Pubblicato

il

Vanta una ricca collezione di premi, riconoscimenti, coppe e concorsi vinti. Merito della sua maestria, acquisita in tanti anni di esperienza. Ma il segreto è quello della formazione continua: mai fermarsi, bisogna sempre essere al passo con i tempi.

Giuseppe “Peppe” Diolosà, barber di successo di Biancavilla, ne è pienamente consapevole. E per questo crede fermamente nella opportunità di apprendere e trasferire conoscenze artigianali, nuove tecniche e cultura professionale.

Adesso per il parrucchiere biancavillese arriva un ulteriore riconoscimento. È stato chiamato in qualità di formatore da Barberia 54 Milano, una realtà di successo nel settore.

Così è stato dato l’annuncio: «Un’altra personalità di spicco dell’hair style entra a far parte di Barberia 54 Milano. Si tratta di Giuseppe Diolosà, che si unisce al nostro team in veste di formatore professionale. L’istrionico parrucchiere biancavillese vanta un curriculum importante».

Già, il curriculum di Diolosà è lungo. In mille occasioni Biancavilla Oggi ha evidenziato il raggiungimento dei suoi traguardi. Basti citare che per due anni consecutivi, nel 2018 e nel 2019, ha raggiunto i primi posti della classifica al campionato mondiale dei coiffeur. Un confronto tra barber provenienti da decine di paesi di ogni continente nel quale Diolosà si è distinto per tecnica e creatività.

A questi risultati internazionali, poi, Diolosà aggiunge altri trofei di ambito nazionale e regionali, nei quali spesso ha coinvolto suoi collaboratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

Il suo padrone è morto, ma lui lo aspetta ancora: il cane di padre Novello

Un vicino di casa lancia un appello affinché qualcuno si possa prendere cura della bestiola

Pubblicato

il

Padre Salvatore Novello è morto lo scorso maggio, all’età di 84 anni, a causa di una malattia. Un sacerdote particolarmente amante dei cani. A distanza di diversi mesi, una delle bestiole che accudiva staziona ancora all’ingresso della sua abitazione. Un legame forte: soltanto chi ha cani in casa può comprenderlo fino in fondo.

Chi si trova a passare da via Albania, dove abitava il sacerdote, non ha potuto non accorgersi di quel cane davanti casa, mentre attende ancora il suo padrone.

Giuseppe Cantarella è uno dei vicini di casa. E lancia un appello.

«Molti sanno che padre Novello (deceduto alcuni mesi fa) si prendeva cura di cani abbandonati. Tutti “i cani di Padre Novello” avevano come stallo la sua casa in via Albania, a Biancavilla. Da qualche giorno, uno di questi cani è ritornato alla ricerca del suo padrone nella casa di via Albania e sta aspettando che il suo padrone lo riaccolga, come ha sempre fatto. Lo so, è molto triste».

«Questo è un appello –aggiunge Cantarella– a chiunque possa prendersi cura di questo cane. In questi giorni si prevede maltempo e non credo proprio che il cane si sposterà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili