Connettiti con

Politica

Équipe medica nei quartieri per le vaccinazioni: al via dalla “Grassura”

Personale dell’Asp al lavoro al plesso “Verga”, altre zone cittadine interessate nei prossimi giorni

Pubblicato

il

Personale medico dell’Asp di Catania già al lavoro a Biancavilla per le cosiddette “vaccinazioni di prossimità”. Dosi Pfizer sono stati somministrati alla popolazione dai 12 anni in su di età. Un modo per venire incontro ai cittadini, che ancora non si erano sottoposti al vaccino. E lo si sta facendo con postazioni di quartiere.

A Biancavilla si è cominciato dalla zona “Grassura” presso i locali del plesso elementare “Giovanni Verga” del Primo circolo didattico. Presenti tre medici e un informatico.

Accolte le prenotazioni effettuate tramite il numero di telefono del Comune – 095 7600444 (dal lunedì a venerdì, dalla ore 9.00 alle 13.00) oppure tramite mail vaccinocovid@comune.biancavilla.ct.it

Le prenotazioni sono aperte anche nei prossimi giorni. «Il nostro obiettivo –evidenzia il sindaco Antonio Bonanno– è quello di allargare la base dei vaccinati coinvolgendo i quartieri della città. Nei prossimi giorni la “vaccinazione di prossimità” toccherà altre zone di Biancavilla».

«In coerenza con le disposizioni del Governo Regionale e grazie alla sinergia con i primi cittadini, compiamo un ulteriore passo in avanti nella campagna di immunizzazione contro il Covid 19», afferma il direttore generale dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza.

«Prima ci vacciniamo, prima torniamo alla normalità. Nelle sere d’estate, passeggiando con la famiglia o gli amici, in un momento di relax o di svago, i cittadini – prosegue- avranno l’opportunità di ricevere il vaccino e di proteggersi dal virus. Il modo migliore per iniziare le vacanze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti