Connettiti con

Cronaca

Obbligato ai “domiciliari” per rissa, detenzione e spaccio di stupefacenti

Cumulo di pena per un biancavillese, accusato di reati commessi tra il 2012 e il 2017 a Piazza Armerina

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Arrestato dai carabinieri perché deve scontare un cumulo di pena. È stato posto ai “domiciliari”. Si tratta del 31enne biancavillese Simone Scimonelli, che deve scontare 1 anno, 9 mesi e 14 giorni di reclusione.

I reati che ha commesso, a Piazza Armerina, tra il 2012 e il 2017, riguardano la rissa e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Sono stati i carabinieri della Stazione di Biancavilla, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna, ad effettuare l’arresto. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti