Connettiti con

Cronaca

Vincenzo Sangiorgio, un vice questore aggiunto con radici biancavillesi

Ha 39 anni ed è entrato in polizia nel 2010: ora sarà responsabile delle Squadre Volanti

Pubblicato

il

Riorganizzazione interna alla Questura di Catania. Serie di avvicendamenti disposti dal questore Mario Della Cioppa al vertice di alcuni Uffici di Polizia.

In questo ambito, è una new entry, almeno per la Questura di Catania, il vice questore aggiunto, dottor Vincenzo Sangiorgio, che ha radici biancavillesi, essendo i suoi genitori originari di Biancavilla. Per tradizioni familiari, non a caso, è un confrate dell’Arciconfraternita dei Bianchi, per la quale non fa mai mancare la sua presenza, a fianco del simulacro della Madonna dell’Addolorata, in occasione della processione dei “Misteri”, la sera del Venerdì santo. Un giovane confrate che è motivo di orgoglio della congregazione religiosa che ha sede presso la chiesa del Purgatorio.

Sangiorgio, 39enne, lascia il decimo Reparto Mobile, dove ha ricoperto incarichi di responsabilità, alla guida di uffici interni. Laureato in Giurisprudenza ed abilitato alla professione forense, Sangiorgio è entrato nella Polizia di Stato nel 2010.

Il suo primo incarico è stato quello di dirigere l’Ufficio di Polizia di Frontiera di Gioia Tauro. Nel suo curriculum anche la dirigenza, durata tre anni, del Commissariato Distaccato di Piazza Armerina.

Il dottor Sangiorgio si è già insediato presso l’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico (Upgsp). Qui rivestirà l’incarico di vice dirigente e responsabile delle Squadre Volanti, al fianco del vice questore, dottor Marcello Ariosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Guardia di finanza a Biancavilla e Paternò: sanzioni per 50mila euro

Controlli lungo le vie cittadine: sottoposti a verifica decine di veicoli, multati i trasgressori

Pubblicato

il

Proseguono i controlli da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di finanza di Catania. Tra Paternò e Biancavilla sono stati individuati diversi utenti trasgressori del Codice della strada.

Le Fiamme Gialle di Paternò, assieme ai baschi verdi della Compagnia Pronto Impiego di Catania, hanno sottoposto a controllo 50 auto e motoveicoli lungo le vie dei due centri.

L’ordinata distribuzione del dispositivo di controllo ha permesso, tra l’altro, di individuare e bloccare due trasgressori che, sprovvisti di patente di guida, tentavano di sfuggire all’alt dei Finanzieri. Il primo, a bordo di uno scooter, e il secondo, alla guida di una vettura. Quest’ultimo, scappando dal posto di controllo ed imboccando una stradina contromano, è finito in un cul-de-sac, riuscendo immediatamente a svicolare in retromarcia. Infine, è stato raggiunto e sanzionato dai militari.

Questi gli esiti dei controlli: 10 i veicoli senza assicurazione sequestrati dai Finanzieri di Paternò, 6 i trasgressori alla guida di veicoli senza la prescritta patente di guida. In questo caso, applicata la sanzione accessoria del fermo amministrativo del mezzo.

E ancora: 5 i centauri senza casco. Ai 7 veicoli senza revisione è stata notificata la sospensione dalla circolazione. Un ciclomotore è stato sequestrato per la confisca poiché sprovvisto del certificato di circolazione. Si tratta di una mini moto che il padre aveva affidato al minore facendolo circolare pericolosamente lungo le strade di Adrano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili