Connettiti con

Politica

Dichiarata l’emergenza regionale per la cenere dell’Etna: inclusa Biancavilla

Delibera del governo Musumeci per i danni e i disagi provocati in 43 comuni dai parossismi del Vulcano

Pubblicato

il

Figura anche Biancavilla tra i 43 comuni per i quali è stato dichiarato lo stato di crisi e di emergenza regionale e richiesto al Consiglio dei ministri lo stato di emergenza nazionale.

Lo ha deliberato il governo Musumeci sulla base della documentazione della Protezione civile sui danni e i rischi di cenere e lapilli caduti durante gli undici parossistismi registrati dal 16 febbraio. Il dirigente generale del dipartimento della Protezione civile, Salvo Cocina, è stato nominato commissario delegato per la realizzazione degli interventi urgenti. 

La Regione, tramite lo stesso dipartimento, sta già provvedendo a impegnare un milione di euro, dopo averne stanziati 600mila per reperire mezzi e affidare servizi aggiuntivi a quelli dei Comuni per spazzamento e raccolta della cenere. Il 7 marzo soltanto si stima ne siano caduti 678mila metri cubi. Una valutazione completa dei danni è ancora in corso. Ma sui costi di raccolta, rimozione e smaltimento delle ceneri è stata stimata una spesa complessiva di circa quindici milioni di euro.

Ancora non sono quantificabili, invece, i danni alle coperture degli edifici, ai sistemi di smaltimento delle acque e alle attività agricole: si ritengono comunque superiori ai dieci milioni di euro.

La Protezione civile regionale, inoltre, in linea con le preoccupazioni del presidente Musumeci, ha evidenziato un potenziale rischio per la salute dovuto alla polverizzazione della cenere vulcanica se non raccolta tempestivamente. 

Alle prime risorse regionali debbono far seguito quelle più consistenti da parte dello Stato, per affrontare un fenomeno di così ampie proporzioni. Per questo è stato richiesto pure lo stato di emergenza nazionale ai sensi dell’art. 24 del decreto legislativo n. 1/2018, che prevede anche sostegno di uomini e mezzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Lavori in vista per l’elisoccorso ed il vecchio ospedale di Biancavilla

Incontro all’Asp tra il direttore generale Maurizio Lanza ed il sindaco Antonio Bonanno

Pubblicato

il

La progettazione dell’elisuperficie e la ristrutturazione dei reparti di Medicina e di Laboratorio analisi dell’Ospedale di Biancavilla, sono stati i temi al centro di un incontro alla Direzione Generale dell’Asp di Catania, fra il manager, Maurizio Lanza, e il sindaco di Biancavilla, Antonio Bonanno.

Presenti il direttore amministrativo dell’Asp di Catania, dott. Giuseppe Di Bella, e il direttore dell’UOC Tecnico, ing. Francesco Alparone.

«Il dialogo con le comunità e i suoi rappresentanti istituzionali è il metodo di programmazione che abbiamo scelto per conseguire importanti obiettivi – ha detto il dott. Lanza -. Continuiamo a lavorare in questo senso, sempre in armonia con le linee di indirizzo del Governo regionale, per consolidare le reti assistenziali della nostra provincia e dare una forte impulso alla capacità di risposta in emergenza».

Durante il colloquio è stato illustrato lo stato di avanzamento delle procedure, sia per la progettazione dell’elisuperficie, sia per la ristrutturazione dei reparti di Medicina e di Laboratorio analisi.

«È un significativo passo avanti verso la realizzazione della pista di elisoccorso – ha detto il sindaco Bonanno -. Ho seguito personalmente i passaggi per l’ultimazione dell’iter. La mia amministrazione ha particolarmente a cuore la realizzazione dell’area di approdo e decollo accanto all’Ospedale. La dobbiamo alla memoria di Giuseppe Greco, un giovane motociclista morto in un incidente nel 2007. Il padre del 22enne, Carmelo (vedi la foto sotto, ndr) si è battuto con ostinazione per realizzare l’elisuperficie. Sarebbe davvero una struttura di prezioso supporto per il nostro ospedale. Accolgo con soddisfazione anche le notizie che riguardano la ristrutturazione del Padiglione B dell’Ospedale: potrà essere utilizzato per l’ampliamento della Medicina e per la Farmacia. Ringrazio il direttore Lanza per l’interesse che dimostra nei confronti del territorio».

Il 25 aprile prossimo, scadranno i termini della gara per l’individuazione del professionista al quale affidare la progettazione dell’aviosuperficie, che sarà realizzate nella parte sommitale dell’area ospedaliera, per un totale di 1225 mq. L’opera sarà realizzata con fondi del Bilancio aziendale, per un importo complessivo di oltre 500mila euro, compresi i lavori di bonifica e sicurezza ambientale.

Sempre con fondi del Bilancio aziendale, per un importo di oltre 1 milione e 200mila euro, è inoltre prevista la ristrutturazione dei reparti di Medicina e Laboratorio analisi dell’Ospedale di Biancavilla.

L’UOC Tecnico ha acquisito, nei giorni scorsi, la relazione relativa all’idoneità strutturale del plesso B del nosocomio. L’atto era propedeutico alla predisposizione della gara per l’individuazione del progettista al quale affidare la progettazione dei due importanti interventi.

© RPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili