Connettiti con

Cronaca

Scoperte un’officina meccanica e una carrozzeria abusive a Biancavilla

Scattate anche due denunce nei confronti dei titolari, che gestivano le attività senza autorizzazioni

Pubblicato

il

I Carabinieri della Stazione di Biancavilla, assieme alla Polizia Provinciale di Catania, hanno denunciato due persone del posto, di 56 e 44 anni. Sono ritenute responsabili di gestione illecita e smaltimento illecito di rifiuti, immissione di fumi nell’atmosfera, esercizio abusivo della professione.

I militari, nel corso di un servizio finalizzato alla repressione dei reati in materia ambientale, hanno individuato in via Sant’Angeli Custodi, a Biancavilla, due autofficine. Una adibita a carrozzeria e l’altra alle riparazioni meccaniche.

Avviate all’interno di due garage, entrambe le attività erano senza alcuna autorizzazione amministrativa e prive dei registri e dei formulari inerenti allo smaltimento dei rifiuti.

Da parte di militari e poliziotti, dunque, posta sotto sequestro preventivo la carrozzeria. Sequestrati solo gli attrezzi di lavoro, invece, in quella meccanica.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti