Connect with us

News

Lo sai che…? Ecco tutte le curiosità sul “Blackjack”, che oggi si può giocare online

Pubblicato

il

Nel 2020 il gioco d’azzardo rappresenta una routine quotidiana per molti italiani, dato che il nostro paese ospita milioni di appassionati. Eppure non va mai dato per scontato il fascino del gambling, considerando che può contare su una storia ricca di aneddoti e di situazioni molto particolari. Fra i vari giochi della tradizione, uno dei più apprezzati è senza ombra di dubbio il blackjack, ed è anche uno di quelli che può vantare più curiosità. Dalla storia fino ad arrivare alle tante versioni disponibili, questo gioco di carte continua ad appassionare. Ecco perché in questo articolo cercheremo di conoscerlo meglio, studiando alcune delle sue sfaccettature più interessanti.

Oggi il blackjack si gioca su Internet

Per prima cosa, nell’era della digitalizzazione, anche il gioco d’azzardo ha dovuto adeguarsi alle nuove esigenze dei player. Grazie alle piattaforme di casinò web come LeoVegas, esiste la possibilità di giocare al blackjack online da casa propria oppure da dispositivi mobile come gli smartphone e i tablet.

Si tratta quasi di piattaforme di streaming che permettono agli utenti di godere di un’esperienza molto simile al tavolo fisico, ma con alcune differenze peculiari. In giochi come questi, infatti, la meccanica del software impedisce ad esempio di contare le carte.

La nascita del blackjack

La nascita del blackjack è immersa nel mito. Nessuno potrà mai dare una risposta definitiva, dato che le origini del blackjack sono ancora oggi avvolte da una coltre di mistero. Molti paesi si sono autoproclamati inventori di questo gioco di carte, compresa l’Italia, ma ad oggi non è possibile stabilire un vero vincitore della contesa.

Fra i vari concorrenti, però, la Francia parte da una posizione privilegiata, visto che in tanti sostengono che il gioco sia nato proprio lì: si parla nello specifico del Vingt-et-Une (XVII secolo). Se invece passiamo all’Italia, la Penisola può vantare la presenza di un gioco molto simile (il Sette Carte e Mezzo), risalente addirittura al ‘500. Infine, non dimentichiamoci degli spagnoli e del loro “Uno e Trenta”, anch’esso nato nel ‘500.

Le varianti del blackjack

Il blackjack presenta tantissime varianti. Molti di noi conoscono soltanto il blackjack standard, noto anche come 21, ma in realtà esistono. Queste ultime vengono praticate da pochi casinò al mondo, e posseggono delle regole diverse. In sintesi, prima di giocarci conviene sempre studiarle a fondo, per evitare il rischio di perdere molti soldi. Una delle varianti più interessanti è il Blackjack Switch. Altre versioni speciali sono il Doppia Esposizione, noto per le altissime percentuali a favore del banco, e il Multi-hand, che invece viene praticato in diversi casinò online.

Vincite milionarie? Chiedere a Don Johnson

È possibile diventare ricchi grazie al blackjack? Sì, a patto di essere dei veri professionisti. Per informazioni chiedere a Don Johnson, che nella sua lunga carriera al tavolo è riuscito nell’impresa di guadagnare oltre 15 milioni di dollari (e di sperperarne molti). Noto per investire cifre da capogiro, Don Johnson ottenne anche diversi sconti dai casinò più famosi al mondo, con rimborsi sulle perdite fino al 20%.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In Primo Piano

Murales imbrattato, l’assessore Privitera: «Gesto gravissimo, gli ridaremo dignità»

Intervento dell’amministrazione comunale, che condanna l’atto vandalico ai danni dell’opera realizzata nel 2017

Pubblicato

il

Il murales che richiama alla “Biancavilla onesta e libera” all’esterno del cimitero è stato imbrattato, come Biancavilla Oggi ha fatto rilevare (leggi qui l’articolo).

Un gesto che adesso viene condannato dall’amministrazione comunale ed al quale vi vorrà porre rimedio immediatamente.

«Assieme al sindaco ed alla giunta giudichiamo che quanto accaduto sia stato un gesto gravissimo, più di quello che si possa immaginare – spiega l’assessore Francesco Privitera -. Quel murales è stato voluto dai giovanissimi della nostra città: e questo rende il gesto ancora più meschino. Coinvolgeremo nuovamente i ragazzi e con loro restituiremo nuovamente dignità a quel murales».

L’opea era stata realizzata nell’estate del 2017, sulle mura esterne del cimitero, a fianco all’ingresso di viale Cristoforo Colombo, su imput dell’allora “sindaco dei ragazzi” Viola Cantarella e del “baby-Consiglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

In Primo Piano

Era stato dedicato alla “Biancavilla libera e onesta”: imbrattato il murales del cimitero

L’opera era stata realizzata nell’estate del 2017 per volontà dell’allora “sindaco dei ragazzi” Viola Cantarella

Pubblicato

il

Un gesto che provoca indignazione. Un gesto inqualificabile. Ignoti hanno imbrattato il murales che si trova sul muro esterno del cimitero, a fianco all’ingresso di viale Cristoforo Colombo. Scritte deturpanti sono in “mostra” e quanti sono passati da lì non hanno potuto non accorgersene.

Il paradosso è che il murale, realizzato nell’estate del 2017, era stato dedicato e intitolato alla “Biancavilla onesta e libera”. Un richiamo a valori ben precisi, voluto dall’allora “sindaco dei ragazzi”, Viola Cantarella, che aveva voluto l’opera a nome di tutto il “baby-Consiglio” per dare un segno visibile alla città del desiderio dei bambini di Biancavilla per una comunità migliore.

Ecco perché vedere imbrattato oggi quel murales lascia ancor di più senza parole: non un “semplice” atto vandalico ma l’offesa ad un messaggio sociale e civile che era stato lanciato da piccoli cittadini, evidentemente migliori di chi ha provocato una simile azione.

LEGGI L’ARTICOLO

Murales imbrattato, l’assessore Privitera: «Gesto gravissimo, gli ridaremo dignità»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.