Connect with us

Associazionismo

“Uso e abuso degli smartphone”, incontro tra Cenacolo, Lions e Dsm

Pubblicato

il

Istituzioni e Volontariato, in occasione della Giornata della donna, come è oramai consuetudine, hanno organizzato un incontro rivolto a cittadini, ospiti della Comunità terapeutica assistita “Opera Canacolo” e utenti e familiari partecipanti ai gruppi strutturati che si svolgono nel territorio di Biancavilla, afferenti al Dipartimento di salute mentale di Adrano/Bronte. Il tema, oggi più che attuale: uso e abuso del telefonino.

Si è soffermato su questa tematica che investe il costume e la società, con delle argomentazioni pedagogiche ed indicazioni comportamentali, Salvuccio Furnari, pedagogista e componente distrettuale Lions club Area Catania.

A porgere i saluti iniziali ed a complimentarsi dell’iniziativa inquadrata in un contesto di collaborazione attiva tra pubblico e privato, sono stati i rappresentanti degli enti organizzatori: Vincenzo Longo, presidente del Lions Club Adrano – Bronte – Biancavilla, Vincenzo Conti, responsabile amministrativo della Comunità Cenacolo, e Annetta Manitta, assistente sociale e conduttrice dei gruppi socio-riabilitativi del Modulo Dsm di Adrano/Bronte.

Furnari, analizzando il fenomeno dell’uso quasi ossessivo del cellulare e complessivamente dei dispositivi dei new media, ha condotto i partecipanti (prevalentemente donne) ad una riflessione, al fine di avere una cosciente cognizione dello strumento da utilizzare in modo adeguato e di non esserne schiavi.

Ha evidenziato i tanti pericoli, soffermandosi sui rischi delle possibili dipendenze individuali che ne possono scaturire e provocare nel contempo una base di conflitto, violenza e sopraffazioni telematiche che, anche se non feriscono materialmente, incidono fortemente sullo stato emotivo delle persone che ne sono vittime.

Il momento conviviale che ha seguito l’interessante conversazione è stato commentato dagli ospiti della Comunità con gli operatori Annalena Parisi e Antonella Salomone.

All’incontro, presenti anche Salvatore Di Guardia, psichiatra, e gli infermieri professionali Mariella Bulla e Ugo Randazzo del Modulo Dsm di Adrano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Consegnato farmaco salvavita: servizio speciale della Croce Rossa di Biancavilla

Attivati dalla sala operativa nazionale, i volontari si sono distinti ancora una volta per senso di solidarietà

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Servizio speciale, nel segno della solidarietà, da parte dei volontari della Croce Rossa di Biancavilla. L’unità territoriale biancavillese dell’associazione ha provveduto a consegnare un farmaco salvavita ad un paziente di Paternò.

È stata la sala operativa nazionale ad attivare i volontari, che si sono recati all’aeroporto di Catania per attendere il volo Alitalia che ha trasportato il farmaco (proveniente dall’ospedale “San Raffaele” di Milano). Una volta preso in consegna dal caposcalo Alitalia, il farmaco (appositamente sigillato in una borsetta termica sigillata) è stato consegnato al destinatario, che abita a Paternò, da due volontari, Antonio Sangiorgio e Giuseppe Lavenia, seguendo tutti i protocolli di sicurezza e prevenzione anti-Covid.

Si è trattato di un servizio straordinario per la Croce Rossa di Biancavilla, coinvolta dalla sala operativa nazionale proprio perché all’unità territoriale viene riconosciuta grande serietà, oltre a distinguersi per il radicamento nel nostro comprensorio, dove svolge un’attività di volontariato discreta quanto preziosa.

Nell’ambito dell’emergenza coronavirus, il gruppo biancavillese è stato in prima linea in diverse attività, dalla distribuzione dei buoni spesa alla consegna di pacchi alimentari, in collaborazione con il Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Associazionismo

Da Biancavilla solidarietà a Silvia Romano: «Attacchi sconcertanti, volgari, sessisti»

L’avv. Pilar Castiglia del Centro Calypso: «Ho difficoltà a spiegare a mia figlia il perché di così tanta bruttura»

Pubblicato

il

«Quello che si legge sulla liberazione di Silvia Romano è così tanto sconcertante, così tanto violento, così tanto sessista, così tanto volgare, così tanto incivile che non ho saputo spiegare a mia figlia del perché la gente (o gentaglia, uomini e donne senza distinzione) non sia capace di esprimere il proprio pensiero (anche di dissenso), esprimendosi in modo civile ed equilibrato, invece di cadere nel dileggio, nella sporcizia, nella bruttura, nella violenza».

È quanto scrive l’avv. Pilar Castiglia, presidente del centro antiviolenza ed antistalking Calypso di Biancavilla, in riferimento all’odio riversato sui social dopo il rientro in Italia della giovane cooperante internazionale, rapita in Kenya e rimasta sotto sequestro di un gruppo di jihadisti. Insulti e offese che popolano il web in queste ore, anche in riferimento al riscatto milionario che sarebbe stato pagato dall’Italia per ottenere la sua liberazione.

«E questo lo si fa, soprattutto, quando si tratta di una donna, di una ragazza, di una figlia di qualcuno, di una sorella di qualcuno, di un’amica di qualcuno. E poi ci chiediamo il perché del femminicidio?», puntualizza ancora l’avv. Castiglia.

Impegnata sul fronte della tutela delle donne, sia sul piano psicologico, assistenziale e legale, l’avv. Castiglia si dice «indignata e addolorata».

«Quale presidente del Centro Antiviolenza Calypso, a nome di tutte le associate, manifesto –viene sottolineato– la più sentita e profonda solidarietà a Silvia Romano e alla sua famiglia. Che abbiano la forza di elaborare il prima e di affrontare il dopo. Non so cosa sia peggio».

Infine, un appunto a margine: «A tutto ciò si aggiunga la ridicolaggine di chi vive nel sommerso più totale e urla sui social “hanno speso i nostri soldi per il riscatto”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili