Connettiti con

Politica

Differenziata boom: +20% in sei mesi Bonanno: «Adesso puntiamo al 65%»

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

I dati, incastonati uno a fianco all’altro, mese per mese, secondo tipologia di rifiuto, si presentano su un foglio Excel. Sono lì e “parlano” chiaro, senza possibilità di interpretazione: la percentuale sulla raccolta differenziata dei rifiuti, nel raffronto tra il primo ed il secondo semestre del 2018, ha fatto un balzo in avanti che non ha precedenti. L’incremento registrato sulla media di quantità raccolta e differenziata segna un +20%.

Un record che a Biancavilla non si era mai visto e che mette il centro etneo nella giusta strada perché si collochi tra i comuni siciliani più virtuosi. In particolare, nel gennaio-giugno 2018, la differenziata media ha toccato il 41,22%, mentre tra luglio e dicembre 2018, lo stesso dato è lievitato al 61,49%. Un trend che viene confermato pure in queste prime settimane del 2019. Cosa è successo per un cambio di rotta così netto? L’amministrazione comunale evidenzia che tra il “prima” e il “dopo” vi sono stati una nuova Giunta e un diverso assetto politico-istituzionale.

«L’inversione di tendenza sulla differenziata coincide con l’insediamento della mia amministrazione e non è casuale perché abbiamo radicalmente cambiato registro –sottolinea il sindaco Antonio Bonanno – per noi questa è una battaglia di civiltà e adesso puntiamo ad una media annua del 65%. Ci consentirebbe di avere bonus e benefici da parte della Regione, necessari per abbattere la bolletta. Come siamo arrivati a questo record? Ci sono stati maggiori controlli, grazie alla polizia municipale, impegnata con pattuglie e sistemi di telecamere mobili. Chi per anni (soprattutto grosse attività commerciali) non ha fatto raccolta differenziata, adesso è stato costretto ad adeguarsi alle regole. Persino con l’ospedale e le scuole abbiamo intavolato una discussione affinché ci fosse maggiore attenzione sulla differenziata e ci siamo riusciti».

Questi, nel dettaglio, i dati della differenziata del primo semestre dell’anno scorso: 40, 06% (gennaio), 20,31% (febbraio), 23,55% (marzo), 54,30% (aprile), 55,95% (maggio) e 53,16% (giugno). E questi riguardano il secondo semestre: 62,36% (luglio), 62,16% (agosto), 63,78% (settembre), 63,12% (ottobre), 55,93% (novembre) e 61,57% (dicembre).

Tutto perfetto, dunque? No. I dati sono più che incoraggianti. Ma non bastano. Restano sacche di inciviltà diffuse: le discariche nel territorio sono un fenomeno da risolvere. Il sindaco: «Questa è la nostra prossima battaglia, a poco a poco la vinceremo pure».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Incivili della spazzatura “beccati” dalle telecamere: multe “salate” a Biancavilla

In trappola una decina di cittadini che hanno lasciato, in modo illecito, rifiuti nel centro storico

Pubblicato

il

Beccati alcuni sporcaccioni che insozzano di rifiuti il centro storico di Biancavilla a tutte le ore del giorno e della notte. Grazie ad alcune telecamere piazzate in punti invisibili, alcuni di loro sono stati “smascherati”. Le immagini non lasciano margini di dubbio. Sia di notte che di giorno c’è chi “deposita” in maniera illecita i rifiuti sulla pubblica via.

Grazie alle immagini, saranno notificati una decina di verbali. I trasgressori pagheranno una multa 600 euro, secondo quanto prevede la legge. Se si tratta di operatori commerciali – alcuni casi riscontrati rientrano in questa fattispecie – alla reitera del verbale scatta la sospensione dell’attività commerciale. 

«A fronte di un servizio di raccolta differenziata che pone Biancavilla tra i comuni con la percentuale più alta in Sicilia –dice il sindaco Antonio Bonanno– non si può pretendere di piazzare qualsiasi tipo di rifiuto a tutte le ore del giorno. Da tempo – come tutti sanno – c’è un calendario con le indicazioni che riguardano il rifiuto da conferire e gli orari da osservare: dalle 19 alle 5 del mattino».

«I “distratti”, ma anche i furbi e gli incivili –assicura il sindaco– avranno dura la vita. Il comportamento di pochi non può compromettere la bontà dei risultati fin qui raggiunti. Ringrazio l’assessore Vincenzo Mignemi per l’ottimo lavoro che sta coordinando per rendere pulita e vivibile la nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili