Connettiti con

Detto tra blog

Bollette della spazzatura per le Vigne: il silenzio non paga (il cittadino sì)

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

di GIANFRANCO GALVAGNO

Desidero commentare una vicenda che, come altre avvenute in passato, mi dà la percezione di suscitare solo lamentela fine a se stessa e rassegnazione, se non addirittura indifferenza, da parte dell’opinione pubblica biancavillese. Mi riferisco all’invio da parte dell’Amministrazione Comunale degli “avvisi di accertamento per omessa denuncia” in materia Tares 2013 su immobili ubicati in “zona non servita”.

Premetto che la mia non è un’accusa o critica ad personam verso qualcuno in particolare (sindaci, assessori, consiglieri, funzionari comunali…), ci mancherebbe, ma è una critica ai “metodi” utilizzati per acquisire risorse finanziarie gestite in maniera superficiale e approssimativa negli anni passati. Metodi che considero poco rispettosi per i cittadini.

Nel 2013 entra in vigore la Tares e il Comune invia le comunicazioni per i dovuti pagamenti relativi agli immobili siti in Biancavilla ma non per quelli relativi alle “zone non servite” (ben note e conosciute da decenni e decenni). Allo scadere del 5° anno, cioè fine 2018 (per evitare la prescrizione, credo), arrivano gli avvisi di pagamento con aggiunte penali e interessi.

E cosa succede? Non mi sembra ci sia una rimostranza pubblica, critica, proficua, che indichi all’Amministrazione un comportamento esclusivamente burocratico e carente di quel rapporto fiduciario con i cittadini, che dovrebbe essere ispiratore di qualsiasi organo di gestione della Cosa Pubblica.

“Caro cittadino abbiamo riscontrato irregolarità di 5anni fa e quindi devi pagare”. Punto. Questo il senso che gli attribuisco per sintetizzare. Nessun dibattito, nessuna comunicazione su ciò che stava per avvenire, nessuna notizia. “Paga e basta, perché non hai dichiarato…” (e su questo ho fortissimi dubbi, ma è una mia convinzione personale, pronto a confrontarla, e non escludo che mi possa sbagliare).

In riferimento, invece, ai compaesani, rilevo ancora una volta la mancanza di senso di comunità (terremoto a parte, forse), di unire idee, proposte, coinvolgimento, per essere parte attiva degli accadimenti che ci toccano. Auspicherei una sorta di “osservatorio dei cittadini” che controllino l’operato dell’Amministrazione con spirito positivo e propositivo e rigoroso allo stesso tempo, per non dover accettare passivamente e con cieca obbedienza ogni decisione che, seppur guidata da norme e regolamenti (!?), ci sbattono in faccia con cruda realtà derivante da inefficienza e scarsa capacità gestionale; con una mancanza di comunicazione istituzionale che non si fermi alle quattro mura dell’Aula Consiliare.

Il tributo sarà pagato, il Comune incasserà ma resterà, almeno per il sottoscritto, il dubbio che il tutto sia stato completamente lecito, nonostante mi si dica “dovevi dichiarare…). E ripeto, 5 anni dopo.

Non ho la pretesa né la speranza che qualcuno commenti in questa sede o nei social. Ci tenevo ad affermare che la vita sociale di un paese riguarda tutti, nessuno escluso. Ma con fatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
4 Commenti

4 Commenti

  1. Giuseppe

    21 Gennaio 2019 at 21:40

    Egregio Gianfranco, hai centrato il termine : “potere burocratico” ; che esprime appieno anche il concetto . La burocrazia in fondo è anche uno strumento di sottomissione. Il burocrate, facendosi scudo con le norme dello Stato, che peraltro conosce approssimativamente, esercita un potete sul più debole, su chi non è a conoscenza delle notizie, dei regolamenti, di cosa deve dare e cosa ricevere. E poiché è anche convinto che il cittadino è anche un “ladro ” visto che non paga le tasse, trova una giustificazione nel proprio operare. Ma un vecchietto che ho frequentato per un certo tempo sosteneva che è vero che il popolo italiano è “ladro” ma lo è perché anche il governo è “ladro”. Ed è in questa battaglia a chi è più bravo a fare il ladro” che si è affossata l’Italia. Tuttavia concludeva che se un padre di famiglia avrebbe voluto educate i propri figli all’onestà, il primo esempio di onestà avrebbe dovuto darlo lui. Un saluto.

  2. gianfranco galvagno

    21 Gennaio 2019 at 19:02

    Egregio Giuseppe, in effetti il mio intento è quello di far emergere la rassegnazione e “il subire” scelte e decisioni che hanno origine da una pessima e incerta gestione della Cosa pubblica Biancavillese. Non ho ipotizzato di non pagare il servizio, che peraltro negli avvisi di accertamento è stato correttamente contabilizzato al 40% per “zona non servita”, quanto “il modo di operare”, l’utilizzo del potere burocratico e irriguardoso verso il cittadino.
    Sulla omessa dichiarazione ci sarebbe da disquisire, ma poiché il singolo non ha la forza e i mezzi necessari a contrapporsi, ecco che quel potere ne approfitta: “chi vuoi che faccia ricorso”? E anche se fosse, quanto tempo e energia ci vorrà?
    La Tari(ex Tares) è corretto pagarla ma non a calci nel sedere; questo è ciò che ha prospettato l’Amministrazione, e non è importante se quella di prima o quella di adesso. È quella che dovrebbe essere il riferimento delle Persone che la sostengono: i cittadini.

  3. Salvatore

    21 Gennaio 2019 at 11:53

    Hai perfettamente ragione,
    Aspetto solamente che il comune mi invii la bolletta, dopo agirò di conseguenza.
    Non ho mai visto un mezzo della nettezza urbana dalle mie parti!!!!! Nessun servizio, strade scassate, illuminazione mancante, ecc. ecc.
    Porto regolarmente la mia spazzatura all’isola ecologica, perfettamente selezionata e oni tanto i vigili urbani hanno il coraggio di contestarmi la consegna dell’indifferenziata. L’amministrazione dovrebbe prima risolvere il problema del ritiro e dopo chiedere ed obbligare il cittadino al pagamento.
    NO SERVIZIO – NO PAGAMENTO

    Buona giornata

    S.L.T.

  4. giuseppe

    20 Gennaio 2019 at 19:00

    Il dubbio dell’articolista Galvagno è identico al mio ma di tre anni fa, quando mi sono pervenute le bollette TIA, E TARSU relativamente alle annualità dal 2010 al 2015. Tutto compreso, tassa, interessi e sanzioni per ” …..omessa e/o infedele dichiarazione”. Importo totale per 5 annualità € 2.518,00 (diconsi euro duemilacinquecentodiciotto). Ora, si può prescindere dalla erronea valutazione degli immobili oggetto di tassa allora eseguita (2 immobili anziché 1), ma non si può prescindere dalle mancate riduzioni di legge spettanti, stante che nella zona servita si effettua un servizio stagionale, ed altresì dalle sanzioni per mancata dichiarazione. Il servizio di raccolta rifiuti in zona vigne è iniziato nell’anno 2012. Per chi è proprietario prima di quella data nulla cambia, nessuna variazione della titolarità della proprietà è avvenuta. A mio avviso, poichè la TARI (prima TIA, TARSU, e TARES) non è soggetta ad autotassazione, sarebbe stato compito del Comune predisporre gli avvisi di pagamento ed inviarli già nel 2013. Il proprietario o titolare di uso a qualsiasi titolo dell’immobile è obbligato alla dichiarazione solamente qualora si verifichi un cambiamento in capo alla suddetta titolarità. Pertanto, a mio avviso, nessuna sanzione sarebbe da applicate se non gli interessi dovuti per pagamento ritardato, anche se non per colpa del proprietario dell’immobile.Purtroppo è vero: molti concittadini non pagano quando dovuto e certamente non sono nel giusto. Ma coloro che invece hanno la correttezza di voler essere allineati alle leggi fiscali dello Stato, si trovano tuttavia ad essere oggetto di una gestione amministrativa “leggera” dal punto di vista procedurale, tale che spesso, per il riconoscimento dei diritti e per la correttezza dei dati, devono adire le vie legali. Ci vuole l’avvocato!! Personalmente l’ho fatto, e se oggi stanno arrivando le bollette con le riduzioni di legge, forse il merito è anche del mio portafoglio che ha creato il precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Il prete che alzò la voce contro i mafiosi e lasciò il “palcoscenico” della basilica

Padre Nino Tomasello diceva che il cristiano deve saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale

Pubblicato

il

di ENRICO INDELICATO

Il Covid ha portato via padre Nino Tomasello e adesso mi piace pensare che Dio, o chi per lui, avrà certamente saputo accoglierlo in modo degno e con i meritati onori in quella patria celeste a cui tutti noi in fondo aneliamo, sperando, a volte contro ogni speranza, che esista veramente, da qualche parte lassù.

È stato un prete perbene, umile, discreto, gentile, con un sorriso timido e un sentire solido. Un pastore di quelli che, come dice Papa Francesco, non hanno mai paura dell’odore delle proprie pecore, che non disprezzano di sporcarsi le mani, che sanno scendere dagli altari. Non è una prerogativa che appartiene indistintamente e quasi per ruolo a tutti i pastori della Chiesa, anzi. Ecco, lui questo dono ce l’aveva.

Forse proprio per questo, tanti anni fa, aveva deciso, inopinatamente e spiazzando tutti, di lasciare il ruolo di prevosto della Chiesa Madre di Biancavilla, e non certo per fare un passo in avanti nel percorso degli onori e della gloria, ma per tornare a fare il parroco qualsiasi in una chiesa qualsiasi, lontano perfino dalla sua città.

Quel palcoscenico per prime donne, fatto come tutti i palcoscenici anche di apparenza e vanità, non faceva per lui. Un uomo mite e semplice come lui si trovava di gran lunga a suo agio dietro le quinte.

Eppure, mi ricordo, sapeva anche alzare la voce con autorevolezza, quando voleva e quando soprattutto era opportuno e doveroso farlo. Come quando, per esempio, tuonò contro la mafia durante un’affollata omelia estiva, proprio qualche giorno dopo un grave ed increscioso fatto di cronaca avvenuto in una Biancavilla come sempre attonita e superficiale. Quella volta invitò i biancavillesi presenti e sonnecchianti in Basilica a ribellarsi e a non accettare che una sparuta minoranza di delinquenti tenesse sotto scacco con il terrore e la sopraffazione un’intera città.  

Non mi è mai più capitato di sentire da alcun pulpito nostrano nulla di simile, con la stessa vibrante forza, con lo stesso evangelico coraggio.

Delle nostre tante chiacchierate me ne rammento una in particolare: in quella circostanza, si parlava del ruolo dei cristiani nella società, mi disse che il cristiano deve sempre saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale. Quella chiacchierata non l’ho più dimenticata. Riposa in pace, caro padre Tomasello…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili