Connect with us

Politica

Salvà e Amato sui “doppi turni”: «Sostegno alla Giunta, senza urlare»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

«In queste settimane abbiamo condiviso e supportato l’azione di mediazione operata dal sindaco e dall’amministrazione comunale a proposito della vicenda dei “doppi turni”. Un’azione quotidiana che è stata improntata sul confronto e sul rispetto dell’autonomia scolastica. Lontana dalle dichiarazioni di facciata e dallo spettro di un protagonismo che sarebbe stato fuori luogo e inopportuno».

Lo puntualizzano, in una nota congiunta, i consiglieri Martina Salvà e Vincenzo Amato, in riferimento alle polemiche sulle diatribe tra Istituto comprensivo “Antonio Bruno” e scuola media “Luigi Sturzo”.

«Una vicenda che, all’esterno, meritava e merita tutt’ora un approccio certamente meno urlato: la priorità –specificano i due esponenti di maggioranza– sono i nostri figli e non le divisioni in fazioni. Perché non esiste una soluzione che possa mettere tutti d’accordo. Esiste l’accettare, tutti assieme, il dover rinunciare a qualcosa. Quello che è accaduto la notte del 6 ottobre deve farci riflettere seriamente ed è da quello che parte l’impegno dell’amministrazione e del consiglio comunale: l’aver ottenuto i finanziamenti per la ristrutturazione delle nostre scuole è stato un fatto determinante per il presente e per il futuro della nostra città».

«L’arrivo dei finanziamenti –sottolineano ancora i due consiglieri– non era affatto scontato in quella che è stata una strada fatta di burocrazia, sopralluoghi, telefonate e notti insonni tutt’altro che semplice da percorrere. La nostra comunità nei momenti difficili ha sempre dimostrato unità e coesione: ed è a questo che facciamo appello».

«Amministrazione e Consiglio –concludono Salvà e Amato– restano a fianco degli alunni, dei dirigenti, degli insegnanti e dei genitori. E, soprattutto, amministrazione e consiglio non si sottrarranno ad alcuna responsabilità. In nome della sicurezza e del buon senso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Beccati ancora incivili della spazzatura: il sindaco Bonanno pubblica il video

Il primo cittadino: «C’è chi si ostina a scaricare vigliaccamenti rifiuti laddove non si può»

Pubblicato

il

È il solito copione: telecamera nascosta, ripresa sull’auto ferma, l’incivile che butta in strada i rifiuti. E il copione si ripete anche con le sanzioni alla persona beccata. L’ultimo video è stato pubblicato dal sindaco Antonio Bonanno.

«C’è ancora una parte di incivili che si ostina a scaricare vigliaccamente rifiuti laddove non si può. C’è chi continua –sottolinea il primo cittadino– a non adeguarsi alle regole e noi lo becchiamo con il supporto delle telecamere sparse sul territorio: telecamere che stanno svelando e inchiodando quegli sporcaccioni che deturpano il nostro territorio. E che vengono puntualmente sanzionati dalla Polizia municipale».

C’è però anche una parte buona della medaglia. Ed è lo stesso sindaco ad evidenziarlo sul fronte dei rifiuti.

«La percentuale di raccolta differenziata –fa presente Bonanno– lo scorso mese di giugno ha toccato quota 70% ed il prossimo 17 luglio il Comune di Biancavilla riceverà un riconoscimento dalla Regione siciliana per essersi attestato, nello scorso 2019, al 66%. Un risultato strepitoso se pensiamo da dov’eravamo partiti. I risultati arrivano con la costanza e la determinazione. Le stesse che la maggior parte dei biancavillesi sta dimostrando di avere nell’ambito dei rifiuti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Associazionismo

Grest, 77mila euro a Biancavilla per parrocchie, scuole e terzo settore

Finanziamento statale per attività estive rivolte a bambini dai 3 ai 14 anni: istanze entro il 17 luglio

Pubblicato

il

Attraverso un finanziamento statale di 77 mila euro, l’amministrazione comunale interviene a sostegno delle attività estive realizzate da enti pubblici e privati, scuole dell’infanzia paritarie, scuole di ogni ordine e grado, enti del terzo settore, imprese sociali ed enti ecclesiastici e di culto: un intervento che mira al potenziamento dei centri estivi diurni, dei servizi socio-educativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività di bambini e bambine di età compresa fra i 3 e i 14 anni, per i mesi da giugno a settembre 2020.

Il sostegno del Comune si realizzerà attraverso l’assegnazione a ciascun progetto di un contributo economico fisso di 3.500 euro che sarà erogato a conclusione delle attività ed una parte variabile legata al numero dei partecipanti all’attività.

Nella realizzazione delle attività progettuali dei centri estivi diurni, devono manifestare disponibilità a stipulare convenzione, tanto per progetti già avviati che per progetti ancora da avviare, attraverso la compilazione dello schema di “Manifestazione di interesse”, da scaricare dal sito internet del Comune, e presentazione, entro e non oltre le ore 11 del 17 luglio 2020, presso l’Ufficio Protocollo del Comune, con allegata relazione progettuale, redatta in conformità e nel rispetto delle prescrizioni contenute nelle “Linee Guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini e adolescenti nella fase 2 dell’emergenza Covid-19”.

«Biancavilla vive una bella realtà di Grest, e non solo: volontari e ragazzi e che in estate sono da supporto a tante famiglie, riuscendo a colorare la nostra Biancavilla ed a trasmettere valori e principi che fanno crescere la nostra comunità – spiega il sindaco Antonio Bonanno -. La possibilità di poter sostenere queste attività, è un’azione che deve renderci felici in relazione ai bei momenti ed alle belle esperienze che potranno vivere i nostri figli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili