Connettiti con

Politica

Terremoto, sindaci a Palazzo Chigi Bonanno: «Priorità per le scuole»

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

L’appuntamento è fissato quest’oggi, a mezzogiorno, a Palazzo Chigi. Sarà il vicepremier Luigi Di Maio a ricevere a Roma gli amministratori etnei dei cinque comuni colpiti dallo sciame sismico di queste ultime settimane. Conta dei danni agli edifici pubblici, risarcimenti ai privati per le abitazioni lesionate, riconoscimento dello stato di emergenza, attuazione di misure speciali e stanziamento delle risorse finanziarie: sono le questioni che verranno messe sul tavolo del governo nazionale.

È stato lo stesso Di Maio a dare, fin da subito, la sua disponibilità e manifestare il suo interessamento affinché i paesi dell’area sud-occidentale del Vulcano possano avere risposte celeri. Prima attraverso la visita a Biancavilla, Adrano e Santa Maria di Licodia della senatrice Tiziana Drago e della deputata Simona Suriano del Movimento 5 Stelle. Poi con l’interlocuzione del deputato regionale M5s Giancarlo Cancelleri, che ha fatto da “ambasciatore” tra Di Maio e i primi cittadini.

Quindi l’intervento telefonico dello stesso vicepremier nel corso della seduta straordinaria del Consiglio Comunale di Biancavilla, tenutasi esattamente una settimana fa nella palestra della scuola media “Luigi Sturzo”. È stato in quell’occasione che Di Maio ha preso l’impegno di stanziamenti ed ha programmato l’incontro di oggi.

«C’è la mia totale disponibilità –aveva detto il vicepremier– ad incontrare i sindaci, che sono quelli che meglio conoscono la situazione, e a portare il prossimo mese, nella legge di bilancio, i soldi che servono per ripristinare quello che è stato danneggiato da questo sisma, che per fortuna non ha fatto vittime. Non è solo un segnale mio come ministro, ma è un impegno di tutto il governo».

Così, oggi, a Palazzo Chigi, si ritroveranno i sindaci di Biancavilla, Antonio Bonanno, di Adrano, Angelo D’Agate, di Santa Maria di Licodia, Salvatore Mastroianni, e di Paternò, Nino Naso, ed il vicesindaco di Ragalna, Roberto Di Bella.

«Andiamo a Roma con la convinzione che la disponibilità che ci è stata riconosciuta debba tradursi in determinazione degli interventi da effettuare», dice Antonio Bonanno, sindaco di Biancavilla, il centro che ha riportato il maggiore numero di danni. «Mi auguro –prosegue il primo cittadino– che l’accertamento dei danni acceleri lo stanziamento dei fondi, necessari a far ritornare tutto alla normalità. Le scuole sono la priorità: i doppi turni dei nostri ragazzi dovranno durare il minor tempo possibile. Perché è sulla tempistica che si gioca una partita fondamentale. Personalmente, mi attendo la massima attenzione dal vice premier e dal governo nazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Incivili della spazzatura “beccati” dalle telecamere: multe “salate” a Biancavilla

In trappola una decina di cittadini che hanno lasciato, in modo illecito, rifiuti nel centro storico

Pubblicato

il

Beccati alcuni sporcaccioni che insozzano di rifiuti il centro storico di Biancavilla a tutte le ore del giorno e della notte. Grazie ad alcune telecamere piazzate in punti invisibili, alcuni di loro sono stati “smascherati”. Le immagini non lasciano margini di dubbio. Sia di notte che di giorno c’è chi “deposita” in maniera illecita i rifiuti sulla pubblica via.

Grazie alle immagini, saranno notificati una decina di verbali. I trasgressori pagheranno una multa 600 euro, secondo quanto prevede la legge. Se si tratta di operatori commerciali – alcuni casi riscontrati rientrano in questa fattispecie – alla reitera del verbale scatta la sospensione dell’attività commerciale. 

«A fronte di un servizio di raccolta differenziata che pone Biancavilla tra i comuni con la percentuale più alta in Sicilia –dice il sindaco Antonio Bonanno– non si può pretendere di piazzare qualsiasi tipo di rifiuto a tutte le ore del giorno. Da tempo – come tutti sanno – c’è un calendario con le indicazioni che riguardano il rifiuto da conferire e gli orari da osservare: dalle 19 alle 5 del mattino».

«I “distratti”, ma anche i furbi e gli incivili –assicura il sindaco– avranno dura la vita. Il comportamento di pochi non può compromettere la bontà dei risultati fin qui raggiunti. Ringrazio l’assessore Vincenzo Mignemi per l’ottimo lavoro che sta coordinando per rendere pulita e vivibile la nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili