Connettiti con

Cronaca

Ruspe in zona “Minicucchita” per la demolizione di un immobile abusivo

Pubblicato

il

Ruspe in azione per la demolizione di un immobile abusivo, in territorio di Biancavilla, su ordine della Procura di Catania. Demolita costruzione in contrada Minicucchita, in zona D del Parco dell’Etna, soggetta a vincolo sismico e paesaggistico-ambientale. L’immobile era stato realizzato in assenza del prescritto titolo abilitativo, in mancanza del progetto esecutivo redatto dal tecnico abilitato, in assenza di autorizzazioni del Genio Civile e del Parco dell’Etna.

A seguito della sentenza di condanna emessa nel 2012, oggi irrevocabile, la Procura ha ordinato la demolizione del fabbricato ed il ripristino dello stato dei luoghi quale sanzione amministrativa accessoria disposta dal Giudice.

Sul posto, a garantire l’ordine pubblico, carabinieri, poliziotti, finanzieri, oltre ai tecnici dell’Enel per la preliminare messa in sicurezza dell’immobile, nonché per l’individuazione di eventuali allacci abusivi alla rete elettrica.

Incaricata a procedere alla demolizione, un’impresa confiscata alla criminalità organizzata, attualmente in amministrazione giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti