Connettiti con

In città

«Viva San Placido», visita ai malati e conferenze nelle scuole del paese

Pubblicato

il

Le reliquie di San Placido portate, per la prima volta, tra i reparti del nuovo ospedale di Biancavilla. Una delegazione del Circolo San Placido e alcuni soci dell’associazione Volontari Ospedalieri Italiani, con il prevosto, padre Pino Salerno, e fra’ Antonio Vitanza, cappellano della struttura sanitaria, si sono incontrati all’ingresso del nosocomio per un breve momento di preghiera. Poi, visita ai malati ricoverati.

«Il nostro intento – sottolinea il presidente del circolo, Alessandro Rapisarda – è quello di portare la festa, o almeno il clima della festa, anche qui. Troppo spesso chi soffre viene escluso dai momenti di gioia cittadina e noi con un canto ed una benedizione, vogliamo far sentire la nostra vicinanza, il nostro affetto, mantenendo la giusta discrezione ed il rispetto per il luogo. Per questo, ogni anno chiediamo, l’aiuto dei Volontari Ospedalieri, che sanno come muoversi e come interagire con i pazienti».

Oltre all’ospedale, in questi giorni, i soci del Circolo San Placido hanno fatto visita negli istituti scolastici biancavillesi per raccontare la storia del martire benedettino, attraverso la loro esperienza personale, attraverso un breve documentario e il film “Placido”, curato dal Cgs Life.

«Anche con le scuole – continua il presidente Rapisarda – abbiamo iniziato da diversi anni questa attività. Vogliamo far capire come il nostro patrono non sia soltanto un importante simbolo religioso, ma anche un simbolo che racconta la nostra identità e va conosciuto e approfondito anche attraverso gli insegnati, che sempre entusiasti della nostra iniziativa, ne approfittano per impegnare i ragazzi in lavori a tema e discussioni didattiche in classe».

Nei prossimi giorni gli appuntamenti centrali della festa con la processione delle reliquie e del simulacro nelle giornate del 5 e del 6 ottobre. Attesa la scopertura di un ceppo commemorativo dedicato al martire benedettino nella rotonda al confine con Adrano, proprio nel luogo noto nella toponomastica locale come “Pedata di San Placido”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Fu lui a progettarla, ora la rotatoria è intitolata all’ing. Pietro Antonio Furnari

Cerimonia per ricordare il professionista biancavillese scomparso prematuramente a 49 anni

Pubblicato

il

La sua morte improvvisa, all’età di 49 anni, aveva suscitato profonda commozione a Biancavilla, nel gennaio del 2023. L’ingegnere Pietro Antonio Furnari erano un professionista noto ed apprezzato.

Adesso, l’amministrazione comunale ha intitolato in sua memoria la rotatoria di viale Cristoforo Colombo, che era stata progettata proprio dallo stesso Furnari.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Antonio Bonanno, hanno preso parte i familiare del professionista: la moglie, i filgi, le due sorelle. Presente anche il deputato europeo Marco Falcone e l’ex sindaco Mario Cantarella.

«Ho sempre ammirato – ha detto il primo cittadino – la dedizione e il garbo dell’ing. Furnari assieme all’amore per la propria città. Lo spazio a lui intitolato ha il valore di un ringraziamento di tutta Biancavilla a un figlio eccellente, la cui parabola umana e professionale è stata troppo breve».

Nella targa in suo ricordo, la scritta: “Ingegnere, persona perbene, esempio di altruismo, onestà e lealtà”.

L’ing. Furnari si era occupato da diverse opere pubbliche per conto di vari enti, non solo in provincia di Catania, ma anche in altre aree località della Sicilia. Tra i progetti seguiti, quelli riguardanti interventi di riqualificazione dei plessi scolastici “Antonio Bruno”, “San Giovanni Bosco” e “Luigi Sturzo” a Biancavilla. Sempre nella sua città d’origine, ha seguiti i progetti di consolidamenti delle chiese “Sacro Cuore” e “Santa Maria dell’Idria” dopo i danni subìti dal terremoto dell’ottobre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti