Connettiti con

Detto tra blog

Pietro Manna sulle Amministrative: «Fa male notare la sinistra assente»

Pubblicato

il

Quando nel cuore aleggia quel senso di tristezza che attanaglia, dicono che faccia bene esternare le proprie sensazioni. Sì, mi ha fatto male, veramente male, constatare che a Biancavilla, alle prossime elezioni amministrative, non sia presente la sinistra.

La città che ha avuto una lunga storia di lotte bracciantili, di resistenza al fascismo, di battaglie per i diritti e che, per lunghissimo tempo, ha espresso a maggioranza il consenso ai partiti e ai movimenti espressione della sinistra, adesso vede schierata, solo formalmente, una lista Pd raccogliticcia, inconsistente e ininfluente.

Mi sono venuti in mente i tanti compagni che hanno speso la loro vita (e non è retorica) per una causa a cui credevano profondamente. Tante scene di un lungo e bel film arrivato mestamente alla fine. Certo, il segno dei tempi, le ripercussioni di quanto succede a livello nazionale, la mancata sintonia con il presente, la perenne litigiosità, i populismi che avanzano…

Ma tutto ciò non basta a spiegare quanto è successo a Biancavilla. Io modestamente penso che alla base ci sia un grave logoramento sociale e morale della città. Le pulsioni ideali hanno lasciato spazio agli egoismi, la “politica” è diventata uno strumento non di servizio ma al servizio dei propri e altrui tornaconti. Non generalizzo.

Di certo c’è ancora chi crede di scommettersi per il bene comune, ma è una minoranza che la città tollera. La maggioranza dei cittadini tende al “particulare” anche a danno del “generale”.

La sinistra doveva fungere da argine a detta deriva invece di assecondarla e a volte incoraggiarla. Alla fine ne è stata travolta… spero non definitivamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Premio Scanderbeg (e alla memoria), buona idea riconoscere i meriti però…

Note a margine dell’evento promosso dalla Presidenza del Consiglio Comunale a Villa delle Favare

Pubblicato

il

Ho letto con piacere dell’esistenza del premio Scanderbeg, istituito dal Comune di Biancavilla e, nello specifico, dalla Presidenza del Consiglio Comunale. L’idea che le nostre istituzioni vogliano dare merito e riconoscimento a personalità che si siano distinte in ambiti professionali o di impegno civico, culturale, sociale o volontaristico mi sembra valida e da sostenere.

Ci sono, tuttavia, due osservazioni che spontaneamente nascono dalla lettura delle cronache dell’evento di premiazione, avvenuto a Villa delle Favare.

Scegliere di stilare un ampio ventaglio di premiati rischia, nel giro di qualche anno, di esaurire il numero di meritevoli a cui conferire il riconoscimento. O quantomeno si rischia di individuare personalità via via “minori” rispetto a quelli già chiamati sul palco. In altre parole: meglio scegliere, per ogni edizione, pochi ma farlo con criterio, evitando motivazioni troppo generiche.

Altro aspetto che è saltato alla mia attenzione è la categoria del “premio alla memoria”. Non è inusuale che certi riconoscimenti vengano dati post mortem. Di solito accade per scomparse premature o improvvise.

Nel caso della manifestazione del Comune di Biancavilla sembra, invece, che si tratti di una categoria fissa, da riproporre ogni anno. L’idea, in questo caso, non fa altro che certificare la disattenzione che in passato l’istituzione comunale ha avuto nei confronti dei biancavillesi meritevoli.

I premi si danno in vita, non dopo la morte! Sembra si voglia colmare l’indifferenza che sindaci e consiglieri hanno mostrato nel passato. Cosa vera, ma ormai è troppo tardi. Vogliamo dare un premio, dunque, alla memoria per Antonio Bruno e farci perdonare le malignità riservate prima e dopo la sua morte o l’oblio che ne è seguito per decenni? Guardiamo avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti