Connettiti con

Associazionismo

L’appello di “Casa Madre Teresa”: «Un lavoro a chi ha bisogno»

Pubblicato

il

«Chi dovesse avere bisogno di badanti, aiuto alle pulizie, domestiche, commessi, operai, può contattarci tramite Facebook o telefonicamente. Conserviamo una lunga lista di persone bisognose e in attesa di occupazione».

Casa Madre Teresa di Calcutta, la struttura di volontariato che opera da oltre un anno nei locali della chiesa Tutte Grazie e che è animata dai giovani del gruppo Sicomoro della parrocchia Annunziata, lancia un Sos.

L’appello dei volontari è quello di fare pervenire offerte di lavoro per i tanti biancavillesi e stranieri che cercano un reddito minimo.

Segui “Casa Madre Teresa” su Facebook

«Riceviamo molte richieste d’aiuto da donne e uomini, italiani e stranieri, che cercano lavoro. Per dare loro un aiuto, vi chiediamo di diffondere questo messaggio».

L’attività principale di Casa Madre Teresa è la raccolta e la distribuzione di indumenti usati, ma spesso chi vi si rivolge chiede un lavoro o una collaborazione retribuita, anche di poche ore al giorno. Ecco perché la diffusione di questo appello. Chi volesse, può seguire le attività e le comunicazioni di Casa Madre Teresa attraverso la pagina Facebook.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Gli ospiti del “Cenacolo” in visita al cimitero militare del Commonwealth

Un’iniziativa educativa nel segno del ricordo e della memoria organizzata dal Lions club

Pubblicato

il

Gli ospiti della Comunità Terapeutica Assistita “Cenacolo Cristo Re” di Biancavilla hanno partecipato ad una lezione di storia all’aperto, purtroppo di pregnante attualità.

In occasione della Manifestazione in ricordo e memoria delle vittime militari del Secondo Conflitto Mondiale ed in generale di tutte le guerre, organizzata dal Lions Club “Faro Biscari” di Catania, una rappresentanza degli ospiti ha visitato il cimitero militare del Commonwealth di contrada Bicocca a Catania, rendendosi visivamente conto degli effetti nefasti che una guerra produce.

Gli utenti in struttura, ascoltando e vedendo il telegiornale e gli altri media, partecipano alle vicende che in questo momento coinvolono da vicino anche la nostra Europa. E ne discutono nei gruppi periodicamente organizzati per affrontare argomenti di loro scelta.

Emozionante e coinvolgente, quindi, è risultata tutta la cerimonia che si è svolta alla presenza di autorità militari, civili e religiose, e di rappresentanti delle associazioni d’arma e combattentistiche che al termine della funzione e dei discorsi celebrativi hanno deposto una corona di alloro ai piedi dell’obelisco al centro dell’area cimiteriale. Nutrito l’intervento di militari provenienti dalla base USA di Sigonella.

In questa cornice, la positività per gli ospiti è stata di avere avuto l’opportunità di poter pregare davanti ai ceppi marmorei di quelle giovani vittime. Ma anche avere potuto porgere delle domande, frutto di riflessioni maturate nell’ambito dei gruppi laboratoriali, facendo così aumentare la consapevolezza del valore della pace e il ripudio dei conflitti.

L’iniziativa è stata possibile grazie all’opera di raccordo di Salvuccio Furnari, coordinatore catanese delle attività di servizio Lions, tra la dirigenza del club “Faro Biscari” presieduto da Guido Cosentino, e quello di Adrano – Bronte – Biancavilla, presieduto da Giosuè Greco, e inserita nella programmazione predisposta dall’Equipe multidisciplinare del “Cenacolo Cristo Re”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili