Connettiti con

Cronaca

Lui minaccia lei: «Sto arrivando» Arrestato un 32enne di Biancavilla

Pubblicato

il

I carabinieri della stazione di Bronte hanno arrestato un 32enne di Biancavilla, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania per i reati di diffamazione, violenza privata e atti persecutori nei confronti della sua ex.

Uno degli ultimi messaggi l’ha postato su un noto social network che recitava minacciosamente «Sto Arrivando!» con allegata la cartina della città di Bronte e la propria posizione.

L’uomo, non rassegnandosi alla fine della relazione sentimentale, ha iniziato a perseguitare la donna. Dapprima sono iniziate le telefonate e i messaggi, poi una serie di appostamenti e pedinamenti, seguendo lei persino nei locali pubblici frequentati e costringendola a trovare rifugio, in un’occasione, all’interno della caserma carabinieri di Bronte.

Non contento di ciò l’uomo ha pubblicato su una piattaforma social la foto della donna in atteggiamenti intimi e il suo numero di telefono, facendo in modo che sembrasse un’inserzione erotica. La ragazza, a quel punto, è stata tempestata di telefonate di persone interessate all’annuncio.

Questi sono solo alcuni degli episodi che hanno condizionato la vita della donna da tre mesi a questa parte e che sono stati accertati in seguito alle indagini da parte dei militari di Bronte. Sulle risultanze investigative, l’autorità giudiziaria ha ritenuto necessaria una misura cautelare, rinchiudendo il 32enne nel carcere catanese di piazza Lanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti