Connettiti con

Cronaca

«Cani avvelenati, Glorioso ci sei?» Marcia e sit in davanti al Comune

Pubblicato

il

Qualche settimana fa l’avvelenamento di Miele e Nerone. Poi le polemiche sull’indifferenza del Comune e dei vigili urbani. Ora la manifestazione, che ha richiamato gruppi animalisti anche di fuori provincia.

 

di Vittorio Fiorenza

L’avvelenamento di Miele e Nerone, due cani randagi che vivevano nella zona Vigne di Biancavilla, ha mosso tutte le associazioni animaliste. Una marcia è partita da viale dei Fiori, con sosta in piazza Sgriccio, per poi concludersi con un sit in, davanti al palazzo comunale. Non era mai accaduto nel centro etneo, ma «la continua ed ostinata insensibilità del Comune su precise prescrizioni di legge è ormai intollerabile».

Gruppi e associazioni animaliste di ogni parte della provincia e qualcuna proveniente da Siracusa si sono, quindi, riunite in una manifestazione pacifica per protesta contro l’amministrazione Glorioso. Le varie sigle che hanno animato il corteo hanno lamentato nei confronti del Comune il mancato rispetto delle normative in materia di randagismo e rispetto degli animali. “Sindaco Glorioso dove sei?”, hanno scandito i megafoni durante tutto il percorso.

Non è la prima volta che il primo cittadino e la sua Giunta siano al centro delle proteste dei gruppi animalisti, a cominciare dalla Lega Antivivisezione, che da anni denuncia «innumerevoli e ripetuti episodi di mancati soccorsi agli animali o alla mancata applicazione delle leggi su sterilizzazione e microchippature dei cani».

L’ultimo episodio ha riguardato l’avvelenamento, qualche settimana fa, dei due cani. Miele è morta, mentre Nerone si è salvato. Chi si è rivolto alla polizia municipale ha dovuto attendere ore -questo sostiene la Lav- perché arrivassero i soccorsi. Ore di terribile agonia per la povera bestiola, ora fuori pericolo. Un episodio che ha ancora una volta ha acceso i riflettori sul Comune, sulla gestione amministrativa e sull’efficacia degli interventi dovuti per legge in tema di tutela degli animali.

Alla manifestazione, oltre alla Lav, hanno aderito l’Enpa, gli Animalisti italiani, la Protezione animali e natura, le Aristogatte, l’Abea Onlus, la Casa di Peggy, la Lal, la Lida, L’altra zampa. In prima fila anche i volontari della Gepa di Biancavilla: anche loro avevano segnalato ai vigili urbani il ritrovamento dei due cani alle Vigne. Ha partecipato pure Giovanni Rosto, gestore di un canile. Né il sindaco né alcun rappresentante dell’amministrazione era presente. Unico contatto avuto con i manifestanti è stato quello dell’isp. Alfio Greco. Al telefono con la responsabile Lav, Angelica Petrina, anche il comandante Vincenzo Lanaia. Colloqui relativi soltanto alle comunicazioni burocratiche sull’organizzazione della manifestazione.

Al momento nessuna spiegazione, invece, sulle ragioni del lungo ritardo nell’intervento dei vigili urbani sui due cani avvelenati. Nei giorni scorsi, sindaco ed assessore al Randagismo, Luigi D’Asero, avevano fatto sapere di avere chiesto una relazione sull’accaduto alla polizia municipale. Le associazioni animaliste attendono di sapere i dettagli.

«Non conosciamo ancora -aveva specificato Petrina della Lav- l’identità dell’avvelenatore, ma conosciamo quella di chi ha lasciato agonizzare Nerone in strada in preda alle convulsioni per ben quattro ore. Tanto hanno impiegato i vigili urbani a chiamare i soccorsi. Dovevano fare solo una telefonata. Quale sarà la loro giustificazione questa volta?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
2 Commenti

2 Commenti

  1. Dino

    23 Gennaio 2018 at 12:03

    Se fosse morta ammazzata una persona tutto questo sarebbe successo? Per protestare e manifestare contro il governo e le sue tasse ingiuste, poliche sciagurate ammazza italiani etc..sarebbe mai nata una cosa cosi’? Questa e’ la civilta’ “moderna” ..Falsi, Ipocriti, nullafacenti, servili, andate a lavorare o trovatevi un miglior passatempo per gratificare le vostre vite.

  2. Alba

    21 Gennaio 2018 at 16:42

    I vigili urbani sono in giro tutto il giorno con le macchine a spese dei cittadini…il sindaco è inesistente come il comune…o chi ne fa parte…chi esce la mattina presto o rientra tardi la sera deve fare i conti con i cani in branco…dal comune nessuna foglia si muove se non prima ci scappa qualcuno sbranato o che muore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Si ribalta l’auto della Misericordia, ferite madre e figlia di Biancavilla

Incidente autonomo: le due donne ricoverate a Catania, contusioni per due giovani del Servizio civile

Pubblicato

il

Un Fiat Doblò della “Misericordia” di Adrano, che percorreva la Ss 121, si è ribaltato. Un incidente autonomo, forse dopo l’urto di un sasso sulla carreggiata, all’altezza del centro commerciale Etnapolis. A bordo, oltre a due giovani del servizio civile, anche due donne di Biancavilla, madre 75enne e figlia 57enne (quest’ultima disabile), dirette a Catania per una visita medica. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, carabinieri e vigili del fuoco.

Le due donne sono ora ricoverate, anche se non desterebbero particolari preoccupazioni. In un primo momento si era temuto, in particolare per la persona più anziana, trasportata in elisoccorso al “Cannizzaro”. La figlia è stata trasportata al “San Marco” di Catania. I due accompagnatori, 19enni, dopo le prime cure all’ospedale di Paternò, sono tornati a casa, seppur con contusioni e lievi traumi.

Pietro Branchina, governatore della Misericordia di Adrano, si è subito recato sul luogo dell’incidente ed è rimasto in contatto con i due giovani le due donne di Biancavilla e i rispettivi familiari.

AGGIORNAMENTO

(1.7.2022) Le due donne di Biancavilla sono state dimesse degli ospedali in cui erano state ricoverate, a seguito dell’incidente. Per madre e figlia, la prognosi indicata nei referti medici è di 30 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili