Connettiti con

Cronaca

Antonio, sopravvissuto agli spari: «Vi racconto la mia nuova vita»

Pubblicato

il

antonio-erba

ESCLUSIVO. Intervista al 30enne, vittima di un agguato tra via San Zenone e via Etnea. Con Biancavilla Oggi ripercorre quei terribili momenti, parla del suo presente su una sedia a rotelle, tratteggia il suo futuro con una grande voglia di vivere. «Chi mi ha sparato? Un vigliacco».

 

di Vittorio Fiorenza

«Di notte sento ancora quegli spari. Anche quando sbatte una porta, dentro di me avverto come un bruciore. Cerco di cancellare dalla mia testa la faccia di chi mi ha sparato. Ma capita spesso, quando dormo, di rivedere l’incubo di quei momenti. E allora mi metto gli auricolari ed ascolto un po’ di musica per distrarre la mia mente».

Antonio Erba, 30 anni, è seduto sulla sua sedia a rotelle. Lo accompagnerà a vita. Non potrà più camminare perché una scheggia di una delle tre pallottole che lo hanno colpito si è conficcata nella spina dorsale, rendendolo paralizzato. Parla dal salotto della sua nuova casa, adeguata alle sue esigenze di spostamento, presa in affitto fuori Biancavilla.

Per quegli spari, esplosi lo scorso agosto all’angolo tra via San Zenone e via Etnea, in un vero e proprio agguato, si trova in carcere Marcello La Delfa. Agì perché convinto –erroneamente– che Antonio continuasse una relazione con la moglie. In realtà il rapporto era stato troncato sul nascere quando il giovane aveva scoperto la difficile situazione familiare della donna, prima separatasi dal marito per maltrattamenti e poi riavvicinatasi a lui. La Delfa ha chiesto il rito abbreviato: udienza fissata al prossimo luglio.

Antonio, dopo sei mesi passati al “Cannizzaro” di Catania e alcune settimane nella struttura del “Cenacolo” di contrada Croce al vallone, vive ora lontano da Biancavilla. Affiancato dalla cugina Letizia e dal suo legale, l’avv. Maria Carmela Di Mattea, accetta il colloquio con Biancavilla Oggi per raccontare la sua nuova vita. Non cita mai il nome di chi gli ha teso l’agguato. Mai una parola di rancore nei suoi confronti. È sorprendente e disarmante la sua forza di volontà. E la voglia di aggrapparsi al futuro.

Antonio, innanzitutto, come sta?
Tanti mi chiedono se riprendo a camminare, ma rispondo che resterò in sedia. “Guarda che ti ha fatto questa persona, non te lo meritavi”, mi dicono tutti. Ma sono vivo, ciò che conta è questo.

Quale è adesso la sua giornata?
Cerco ogni giorno di adattarmi alla nuova situazione: lavarmi la faccia, guardarmi allo specchio o semplicemente andare a letto o vestirmi. Ogni cosa, bisogna programmarla. C’è un procedimento da seguire su tutto: anche mettersi le scarpe.

Tutte cose che ha imparato quand’era ricoverato al “Cannizzaro”.
Lì ho vissuto un’esperienza umana importantissima. Ti fanno capire che anche se sei in sedia, non sei diverso dagli altri. Anzi, lì facevo più cose di prima. Da ognuno sono stato spronato. Tutti mi hanno aiutato. Ho imparato a ballare in sedia, a fare il tiro con l’arco o a giocare a tennis da tavolo.

Quando ha avuto consapevolezza che non avrebbe più camminato?
Il giorno preciso non lo ricordo. Ho capito da me che quella sarebbe stata la mia condizione. Quando ho avuto conferma ufficiale dalla dottoressa è scattata una molla. Mi sono detto: “Va bene, se non posso usare le mie gambe e non posso più camminare, mi pongo altre mete”. A buttarsi giù non serve a niente, come purtroppo vedevo in ospedale in altri pazienti che piangevano tutti i giorni e non faceva progressi nella terapia.

Intanto, il procedimento penale per tentato omicidio è entrato nel vivo.
Non ho voluto essere presente in udienza per non incontrare la persona che ha provocato tutto questo e non rivivere quei momenti. Mi aspetto giustizia. Non potrà cancellare le conseguenze, però l’auspicio è che fatti analoghi non si ripetano più.

Si sente di raccontare quel giorno d’agosto?
Stavo tornando a casa dal lavoro, all’ora di pranzo. Mi sono ritrovato “lui” all’angolo tra via San Zenone e via Etnea. Senza dirmi niente, ha tirato fuori la pistola e ha sparato il primo colpo. Mi sono visto stramazzato a terra. Mi ha colpito altre due volte, al fianco e al polpaccio. La pallottola del quarto sparo non mi ha colpito, ma era all’altezza della testa.

Noi siamo arrivati lì appena dopo: ricordiamo che era cosciente.
Sì, ho cercato di alzarmi, ma non ci riuscivo: avevo perso la sensibilità. E non so come –forse mi ha aiutato Dio o è stato l’istinto– sono riuscito a prendere il cellulare e chiamare i carabinieri e il mio datore di lavoro per chiedere aiuto.

E subito, appena arrivati i carabinieri, ha fatto il nome di chi aveva sparato.
Devo ringraziare il maresciallo dei carabinieri che mi si è avvicinato e mi ha aiutato tanto. Mi teneva sveglio, mi diceva “Dai, Antonio, ce la puoi fare”.

Poi, sul posto, è arrivata anche sua mamma.
È la parte più brutta che ricordo. Mi sentivo mancare, fra me e me pensavo di non farcela. Ma quando ho visto mia mamma sono stato io a farle forza. “Stai tranquilla, non è niente”, le dicevo, mentre sentivo uscire il sangue dalla mia bocca.

C’è l’immagine drammatica di lei disteso a terra con i carabinieri attorno.
Sono stato io stesso, dopo due mesi, a cercare informazioni online e a vedere quella immagine su Biancavilla Oggi. Distoglievo lo sguardo quando vedevo la foto di “lui”. Mi dava più fastidio vedere la faccia di chi mi aveva sparato che vedere me stesso a terra. Ricordo pure il momento in cui sono stato messo sull’elisoccorso. Ricordo che chiesi con ironia ad un operatore se il velivolo, vista la mia stazza, riuscisse a sollevarsi da terra.

Antonio, quale è il sentimento che nutre per chi le ha sparato?
Si è comportato da vigliacco. Si poteva discutere, si poteva parlare. Invece ha preferito un’altra via. Mi ha preso alle spalle e mi chiedo che persona sia. Un vigliacco, appunto.

Anche perché lei ha cercato di chiarire tutto.
Quella “relazione” è durata poco e appena mi sono accorto di quella situazione familiare complicata, ho troncato tutto. Abbiamo anche parlato a tre e ho specificato che ero contento che marito e moglie si fossero riavvicinati. Ma non è servito perché lui continuava ad avercela con me, nonostante io non facessi nulla e considerassi quella storia chiusa.

Chi ha sentito vicino in tutti questi mesi?
Dal Comune, nessuno si è fatto sentire. Nemmeno una telefonata. Nessun aiuto. Eppure le spese che abbiamo dovuto affrontare sono state enormi. I carabinieri mi sono stati molto vicini. E poi mia cugina Letizia e la sua famiglia sono stati e sono un pilastro. Un sostegno fondamentale non soltanto per me ma per mia mamma e mio papà. Senza di loro non avremmo saputo affrontare tutto questo.

Con quali occhi guarda il futuro?
Voglio cercare di essere più autonomo, adesso vorrei imparare a guidare l’auto con i comandi manuali. Mi piacerebbe aiutare persone disabili, impegnarmi anche come volontario. Il lavoro? Sì, mi piacerebbe lavorare, ma capisco che sia difficile. Però, è un obiettivo che mi pongo.

Questa storia cosa le lascia, al di là dei segni fisici?
Sono più maturo. Guardo il mondo con un altro occhio e un’altra sensibilità. Adesso mi godo la famiglia con una diversa attenzione. Nutro una consapevolezza maggiore del valore della vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Fiamme Gialle in piazza Roma per controlli antidroga e misure Covid

Posti di blocco della Guardia di finanza in diversi paesi della provincia, tra cui Biancavilla

Pubblicato

il

Guardia di finanza in azione anche a Biancavilla sia per i controlli anti-Covid che per attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Militari e mezzi delle Fiamme Gialle hanno effettuato posti di blocco nella centralissima piazza Roma e in altre zone del paese. Servizi che sono stati ripetuti diverse città della provincia di Catania.

I Reparti del Corpo, ognuno nel proprio territorio di competenza, hanno effettuato servizi finalizzati all’attenzione per la salute e la sicurezza pubblica.

In particolare, le pattuglie dei Finanzieri si sono dislocate nei principali snodi stradali della Provincia per intercettare gli eventuali spostamenti di persone verso i comuni limitrofi e soprattutto gli spostamenti non autorizzati nelle ore notturne dalle ore 22.00 alle ore 05.00.

In diverse circostanze le persone controllate hanno addotto futili o falsi motivi, cioè si spostavano senza comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o di urgenza ovvero per motivi di salute o per fare rientro presso il proprio domicilio o residenza violando il DPCM del 14.01.2021.

L’impiego di 16 pattuglie delle Fiamme Gialle nel solo fine settimana scorso ha consentito di sottoporre a controllo 94 persone e 65 veicoli, nonché 10 esercizi commerciali. Sono stati sanzionati 10 soggetti per varie violazioni inerenti al fenomeno pandemico, quali il mancato uso della mascherina, il divieto di uscire dal proprio comune di residenza senza valide giustificazioni o nelle ore notturne.

«L’obiettivo dell’azione svolta dalla Guardia di Finanza e, più in generale dalle Forze dell’Ordine, è quello di accelerare –viene evidenziato in una nota stampa– l’uscita da questo stato di restrizione collettiva ed evitare che i tempi di emergenza si allunghino a causa dell’ulteriore diffusione dei contagi. In tal senso, è fondamentale che i cittadini pongano la massima attenzione nel seguire le prescrizioni emanate dalle competenti autorità nazionali o locali, innanzitutto per ridurre i rischi per la propria persona e la comunità, oltre che per non incorrere nelle eventuali relative sanzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili