Connettiti con

Scuola

Scuola, stage e lavoro con studenti stranieri all’Itt “Mario Rapisardi”

Pubblicato

il

stage-dolfin-studenti-istituto-tecnologico

L’Istituto Tecnico Tecnologico di Biancavilla coinvolto nel progetto “Go to work in Europe” assieme a sei scuole di Svezia, Spagna, Romania e Bergamo.

 

L’alternanza scuola-lavoro all’Istituto Tecnico Tecnologico di Biancavilla ha il nome di “Go To Work in Europe” e vive all’insegna del programma europeo “Erasmus Plus” e del progetto di internazionalizzazione dell’offerta formativa di istituto.

“Go to work in Europe” è un’attività progettuale in rete europea che il dirigente scolastico Egidio Pagano sta portando avanti con i docenti referenti del progetto, prof.ssa Santa Donatella Maugeri e prof. Rosario Giovanni Scalia.

L’ “ABB Industrigymnaium” (Svezia), la “Ciutat de l’Aprenant” (Spagna), il “Colegiul Tehnic Alesandru Papiu Ilarian” e il “Liceul Tehnologic Mihai Viteazul” (Romania), gli Istituti Tecnici “G. Marconi” e “P. Paleocapa” di Bergamo e l’Istituto Tecnico Tecnologico “M. Rapisardi” di Biancavilla sono i partner che mettono a confronto esperienza, crescita, progettualità, in un contesto di internazionalizzazione che vede gli studenti protagonisti.

Il progetto si propone, tramite la metodologia della ricerca – azione, di mettere a punto un nuovo modello didattico di alternanza scuola – lavoro, denominato ECLI (acronimo di Expert – Classroom – Laboratory – Individual), in linea con le indicazioni della legge 107/2015 in materia di alternanza scuola – lavoro e con un particolare focus sul tema ampiamente dibattuto della valutazione e certificazione delle competenze.

La messa a punto di tale modello sperimentale, di cui si auspica la futura diffusione a livello sistemico in una dimensione europea, si fonda su un costante confronto tra le metodologie didattiche e le esperienze di alternanza scuola – lavoro (work based learning) maturate da ognuno dei partner.

Nella prospettiva di un costante e proficuo confronto, il nostro Istituto ha ospitato un gruppo di 10 studenti provenienti dalle scuole partner i quali, insieme agli studenti della classe quarta dell’Istituto Tecnico Tecnologico di Biancavilla, hanno effettuato uno stage presso le aziende Dolfin e IVS Sicilia, entrambe legate alla nostra scuola da una lunga storia di collaborazioni.

Nei prossimi mesi, il percorso prevede altri stage presso altre aziende europee in perfetto accordo con lo spirito di Internazionalizzazione di cui l’Istituto Superiore “Mario Rapisardi” e il dirigente scolastico Egidio Pagano fanno la loro bandiera.

stage-ivs-sicilia-studenti-istituto-tecnologico

© RPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

Lotta alla violenza: a Biancavilla alunni “immedesimati” nel ruolo di vittime

All’Ipsia incontro con riflessioni, analisi e soluzioni: studenti sollecitati ad una sana educazione affettiva

Pubblicato

il

Si e tenuto all’Ipsia di Biancavilla, all’indomani della Giornata mondiale contro bullismo e cyberbullismo, l’incontro degli alunni con l’associazione “Forlife”. L’intento del centro di ascolto antiviolenza è la sensibilizzazione dei ragazzi sui temi del contrasto ad ogni fenomeno di violenza e sull’educazione emotiva. Temi su cui da anni l’associazione è impegnata nelle scuole del nostro territorio.

Un’occasione di riflessione, quella offerta dall’istituto scolastico biancavillese, sulla violenza di genere. I ragazzi hanno condiviso le loro esperienze e sono stati coinvolti in prima persona nelle attività proposte dai membri dell’associazione “Forlife”. I ragazzi si sono così espressi sull’argomento, analizzando le cause del fenomeno, elaborando strategie e soluzioni e immedesimandosi nel ruolo di vittima mediante la tecnica del “roleplaying”. Hanno acquisito così la consapevolezza del valore proprio e altrui, esprimendo il desiderio di vivere in una società senza violenza.

L’incontro è stato voluto dalla dirigente Giuseppina Morsellino, dalla responsabile di plesso Giuseppina Pulvirenti e dalla referente per bullismo e cyberbullismo, Loredana Ricceri. La fase preparatoria è stata seguita dalle specialiste in relazioni d’aiuto, Elisa Romeo, Martina Calcagno e Carmen Arena. «L’importanza dei limiti, custodisci il tuo cuore e i tuoi pensieri più di ogni altra cosa: da come pensi, dipende la tua vita».

In particolare, gli studenti sono stati invitati a riflettere sull’importanza di avere relazioni affettive sane, centrate sull’autostima e sul netto rifiuto di insulti, soprusi, umiliazioni e violenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA   

Continua a leggere

I più letti