Connettiti con

Storie

Salvatore, un batuffolo di dolcezza: primo nato del 2017 a Biancavilla

Pubblicato

il

salvatore-bioni-primo-nato-2017

Salvatore Biondi, tra le braccia di mamma Francesca e papà Giuseppe

Il primo parto dell’anno all’ospedale “Maria Santissima Addolorata” è avvenuto alle 5.22. Un fiocco azzurro per la felicità di mamma Francesca e papà Giuseppe.

 

di Vittorio Fiorenza

Alle 5.22 dopo la mezzanotte il suo vagito ha svegliato il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”. È Salvatore, il primo nato del 2017 a Biancavilla. Primogenito di una coppia di Centuripe, Giuseppe e Francesca Biondi, il piccolo Salvatore ha pesato 3 kg e 290 grammi.

Un vero e proprio batuffolo di dolcezza, tutto da coccolare. Non era previsto che venisse alla luce a quell’ora, ma il piccolo ha avuto premura, facendo correre mamma Francesca in sala parto, aiutata dal personale medico ed infermieristico della struttura sanitaria biancavillese: l’ostetrica Francesca Tempra, la ginecologa Agata Marabotto e l’infermiera Genoveffa Scarlata.

Un parto senza problemi, a cui ha assistito papà Giuseppe per dare sostegno e forza alla compagna. Un’emozione incontenibile per i due nuovi genitori e tutti i parenti della coppia per l’arrivo di questa nuova vita proprio allo scoccare del 2017.

Ma nella famiglia Biondi si è abituati a sincronizzare i lieti eventi con le festività di fine e inizio anno. Lucia, la zia del piccolo, è nata infatti il giorno di Natale, mentre il papà Giuseppe fa il compleanno per l’Epifania. E adesso, ad arricchire l’agenda degli appuntamenti festosi familiari, ci ha pensato Salvatore, venuto al mondo a Capodanno. Un fiocco azzurro che dà inizio e il benvenuto al 2017. Auguri a Salvatore per una vita di gioie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

Il “Cenacolo” compie ottant’anni: una straordinaria eredità di padre Calaciura

Dalle macerie della guerra, i germogli di un’opera assistenziale diventata un vanto per Biancavilla

Pubblicato

il

Era il 29 novembre del 1943. Da qualche mese era caduto il fascismo e a settembre era stato firmato l’Armistizio di Cassibile. L’Italia era davvero tutta da rifare. E c’era chi, in mezzo a quegli sconvolgimenti pensava in grande partendo dagli ultimi.

A Biancavilla, Giosuè Calaciura, giovane prete (ordinato appena quattro anni prima), guardandosi attorno e vedendo tanta miseria e tanto disorientamento, con un gesto di coraggio e di altruismo fondava presso dei locali alla periferia est del paese, sotto il Monte Calvario, l’Opera Cenacolo Cristo Re per accogliere gli orfani e le vedove di guerra che pativano la fame, l’abbandono da parte dei familiari più cari deceduti nel conflitto, la disperazione di non vedere futuro.

Coadiuvato da socie dell’Azione Cattolica, il fondatore delinea gli scopi che avrebbero guidato l’opera. Primo fra tutti quello di formare un gruppo di giovani che si «impegnavano ad essere primi in tutto: nella pietà, nell’apostolato e nella bontà di vita».

Il Cenacolo doveva essere centro propulsore per avviare scuole, colonie, ambulatori, uffici per l’assistenza sociale, oratori, doposcuola, laboratori. E assieme a queste attività, chi ne entrava a far parte non avrebbe dovuto scordare mai i principi evangelici, l’amore a Dio e alla Chiesa che doveva rendersi visibile nella vita attiva in parrocchia, nella preghiera, nella buona condotta in famiglia e nella società.

Da “Croce al vallone” al “Sentiero speranza”

Negli anni, quel seme che tante volte – a dire dello stesso don Giosuè – fu minacciato da altre volontà, dai tempi che cambiavano e da svariati fattori avversi, ha saputo mettere radici profonde. Una risorsa per la nostra comunità, soprattutto perché ha sempre saputo guardare i segni dei tempi, aggiornando la sua mission e aprendosi ai bisogni sociali e sanitari contingenti e di volta in volta attuali.

Superata l’emergenza postbellica e mutate le istanze sociali, l’opera si rivolse all’assistenza dei vecchi e degli inabili, contando nel 1961 già circa 30 ricoverati.  Alla fine degli anni ’70, la costruzione di un grande padiglione in contrada Croce al Vallone: l’aumento di posti letto e di servizi, poi l’iscrizione nell’albo regionale come struttura residenziale per anziani non autosufficienti.

La maggior attenzione dedicata ai malati mentali fu la logica conseguenza della Legge 180/78 che determinò la necessità di una specifica assistenza dei dimessi dagli ospedali psichiatrici, e portò alla ristrutturazione della casa madre per poter accogliere soggetti con patologie psichiatriche. Oggi, la struttura di via san Placido, accoglie ben 40 ospiti come Comunità Terapeutica Assistita occupandosi delle loro cure mediche e della riabilitazione psicosociale.

Negli anni ’80, quando il flagello della droga e altri fatti drammatici portavano Biancavilla nelle prime pagine di cronaca nera, apriva la Comunità per tossicodipendenti “Sentiero Speranza” per offrire un servizio riabilitativo residenziale a quei giovani caduti nella spirale della tossicodipendenza.

Una struttura con 117 posti letto

E poi ci sono i tempi moderni con l’inaugurazione della Casa di Cura che si occupa di riabilitazione ortopedica, neurologica, cardiologica, oncologica e pneumologica. È dello scorso aprile l’apertura di un poliambulatorio con servizi radiologici e ambulatori di cardiologia, neurologia, allergologia e immunologia, medicina fisica e riabilitativa, pneumologia, reumatologia e chirurgia.

«Oggi – dice il direttore Giosuè Greco – l’Opera è diventata una realtà molto grande che conta ben 150 tra professionisti e dipendenti, 117 posti letto e molteplici servizi diagnostici, e cerca di offrire il massimo della professionalità e dei servizi, occupandosi anche di formazione e informazione nel territorio sui temi che quotidianamente la vedono impegnata in prima linea».

Spegnendo le 80 candeline, è impossibile non ricordare la figura del fondatore, padre Calaciura, e di quei pionieri – Nerina Piccione, Agatina Russo, Giuseppina Finocchiaro e tanti altri – che in tempi bui e tristi riuscirono a vedere lontano e seppero creare futuro per la loro gente. A queste persone, va oggi la nostra ammirazione e il nostro ringraziamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti