Connettiti con

Politica

Quelli che non volevano poltrone ora hanno Chisari come assessore

Pubblicato

il

vincenzo-chisari-giura-da-assessore

Nomina e giuramento di Vincenzo Chisari

Vincenzo Chisari è il nuovo assessore della Giunta Glorioso. Nomina e giuramento sono avvenuti in maniera contestuale. A Chisari, che sostituisce Marzia Merlo, dimessasi nei giorni scorsi, sono state assegnate le stesse deleghe della Merlo: Lavori pubblici, Sport, Politiche giovanili, Protezione Civile, Politiche del lavoro, Associazionismo.

Con l’ingresso in amministrazione di Chisari, che resta anche consigliere comunale, viene sancita la riappacificazione del gruppo misto (formato anche da Grazia Ventura, Dino Furnari e Salvatore Giuffrida). Gruppo che da tempo aveva assunto una posizione di rigore nei confronti del sindaco, fino a bersagliarlo con epiteti qui improponibili.

A Glorioso era stato chiesto l’azzeramento della Giunta e la formazione di un Esecutivo tecnico. Al presidente del Consiglio Comunale erano state chieste le dimissioni. Nessuna richiesta ha avuto seguito e, in più, i quattro hanno sempre sostenuto di non essere interessati ad alcuna poltrona. Adesso la poltrona c’è ed è quella di assessore. Cosa abbia fatto indietreggiare il gruppo misto fino a rimangiarsi tutto ciò che aveva detto non è dato saperlo.

Certo è che la realpolitik ha tirato il freno a mano e azionato la marcia indietro. Per le dichiarazioni che i due fronti si sono scambiati, le modalità della frattura e quelle dell’intesa ricucitrice, un passaggio istituzionale così non era mai avvenuto nella storia politica degli ultimi vent’anni.

LEGGI GLI ARTICOLI

Sindaco “avvisato” da 4 consiglieri, Glorioso come nell’affare Dreyfus

Il gruppo misto si rivolge a Glorioso: «Azzeramento e Giunta tecnica»

Il Pd “blocca” il gruppo misto: «Nessun azzeramento di giunta»

Giuseppe Milazzo: «La follia del Centrodestra e del gruppo misto»

Il gruppo misto attacca Milazzo: «È un avatar che non ha memoria»

Neri costretta a lasciare la Giunta, ma il gruppo misto è in stand by

Il dietrofront del “gruppo misto”: i quattro consiglieri tornano allineati

Il gruppo misto fa marcia indietro ma il Pd mette il freno

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
2 Commenti

2 Commenti

  1. santino

    21 Dicembre 2016 at 17:16

    Tralasciando “Quelli che non volevano poltrone ora hanno il loro assessore” dunque la loro poltrona, ma nessuno ritiene vomitevole la pessima prassi che chi viene nominato assessore resta comunque anche consigliere comunale?Dico io “mangiare doppio” è corretto…capisco che nessuna legge lo vieti…ma con quale faccia?a quale prezzo?è solo un’offesa verso i cittadini e nulla di più…

  2. Cassandra

    19 Dicembre 2016 at 20:58

    Che schifo . Dove è’ il grande partito di Berlinguer.? Il sig. Sindaco si prepara alle elezioni regionali. Ma a biancavilla ti hanno conosciuto tutti: ipocrita, scarso, non rappresenti nessuno , lo vedrai alle prime elezioni. Né meno nella prima repubblica, da voi molto abbaiata sarebbe successo questo. Sindaco vai a lavorare in un posto a tempo indeterminato senza aver vinto nessun concorso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Incivili della spazzatura “beccati” dalle telecamere: multe “salate” a Biancavilla

In trappola una decina di cittadini che hanno lasciato, in modo illecito, rifiuti nel centro storico

Pubblicato

il

Beccati alcuni sporcaccioni che insozzano di rifiuti il centro storico di Biancavilla a tutte le ore del giorno e della notte. Grazie ad alcune telecamere piazzate in punti invisibili, alcuni di loro sono stati “smascherati”. Le immagini non lasciano margini di dubbio. Sia di notte che di giorno c’è chi “deposita” in maniera illecita i rifiuti sulla pubblica via.

Grazie alle immagini, saranno notificati una decina di verbali. I trasgressori pagheranno una multa 600 euro, secondo quanto prevede la legge. Se si tratta di operatori commerciali – alcuni casi riscontrati rientrano in questa fattispecie – alla reitera del verbale scatta la sospensione dell’attività commerciale. 

«A fronte di un servizio di raccolta differenziata che pone Biancavilla tra i comuni con la percentuale più alta in Sicilia –dice il sindaco Antonio Bonanno– non si può pretendere di piazzare qualsiasi tipo di rifiuto a tutte le ore del giorno. Da tempo – come tutti sanno – c’è un calendario con le indicazioni che riguardano il rifiuto da conferire e gli orari da osservare: dalle 19 alle 5 del mattino».

«I “distratti”, ma anche i furbi e gli incivili –assicura il sindaco– avranno dura la vita. Il comportamento di pochi non può compromettere la bontà dei risultati fin qui raggiunti. Ringrazio l’assessore Vincenzo Mignemi per l’ottimo lavoro che sta coordinando per rendere pulita e vivibile la nostra città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili