Connettiti con

News

Mafia, Biancavilla comune caldo: la preoccupazione del prefetto

Pubblicato

il

prefetto-maria-guia-federico

Il prefetto di Catania, Maria Guia Federico

«In questo momento i Comuni che più ci preoccupano sono Paternò, Biancavilla e Palagonia. Malgrado un incessante lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura, l’organizzazione permane ma segnalo una diminuzione dei reati in provincia di Catania, in modo particolare di quelli predatori».

Ad annoverare Biancavilla nel trittico di che, tra tutte quelle della provincia di Catania, destano maggiore preoccupazioni e timori sul fronte della criminalità mafiosa è il prefetto Maria Guia Federico.

Lo ha fatto a margine della sua audizione alla Commissione Parlamentare Antimafia a Roma. Diversi gli argomenti affrontati, ma l’avere citato Biancavilla tra i centri sotto i riflettori rappresenta un dettaglio di non poco conto.

Omicidi di mafia, tentate uccisioni, sete di vendetta e ricerca di nuovi spazi di potere criminale hanno caratterizzato le cronache biancavillesi degli ultimi anni. Nonostante le operazioni di carabinieri e polizia, dall’operazione Garden all’operazione Adernò (solo per citare gli ultimi blitz), il centro etneo, assieme a Paternò e Palagonia, non manca di preoccupare.

Il nome di Biancavilla era echeggiato nell’aula della Commissione Parlamentare Antimafia anche nel gennaio 2015, quando fu sentito l’allora procuratore capo Giovanni Salvi, che evidenziò «situazioni di forte tensione, che vanno dall’area di Biancavilla a quella di Paternò».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. francesco

    12 Ottobre 2016 at 18:51

    beh dire che i reati predatori sono in diminuzione è troppo ,forse tanti non denunciano tanto ,la sicurezza del territorio e stato tralasciato da qualche mese le forze dell’ordine si sono messe in moto penso che ci voglia un maggiore impegno anche dall’amministrazione non basta fare bla bla bla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

Installazione antenna 5G, le suore salesiane: «Noi non c’entriamo niente»

Intervento delle Figlie di Maria Ausiliatrice a proposito dell’impianto sull’edificio in cui sono ospitate

Pubblicato

il

«Come Figlie di Maria Ausiliatrice esprimiamo comprensione per le preoccupazioni espresse. Siamo fiduciose che chi ha responsabilità e competenza prenda decisioni rispettose della sicurezza e della salute dei cittadini».

Lo scrivono in una nota stampa le Figlie di Maria Ausiliatrice di Biancavilla, a proposito della installazione di un’antenna 5G sull’edificio di via Mongibello in cui sono da sempre ospitate.

Sulla vicenda gli abitanti della zona hanno manifestato il loro dissenso e il Comune aveva presentato un ricorso contro l’installazione, bocciato dal Tar.

C’è chi ha chiamato in causa le suore salesiane, a sproposito. Ed ora arrivano le loro puntualizzazioni.

«La notizia dell’installazione delle antenne 5G – scrivono – ha destato ansia e preoccupazione per molti. Ci sembra doveroso fornire alcune chiarificazioni. La sede di via Mongibello è di proprietà dell’Ipab Casa del fanciullo “Francesca Messina”.
Tra l’Ipab e l’ente delle Figlie di Maria Ausiliatrice è in essere un comodato d’uso gratuito dei locali per l’abitazione delle suore e le attività pastorali da loro animate».

«L’azienda che sta provvedendo all’installazione delle antenne – viene specificato – non ha alcun contratto in essere né in forma diretta né indiretta con le Figlie di Maria Ausiliatrice. Circa un anno fa la direttrice dell’istituto ha ricevuto la semplice informazione della decisione in oggetto da parte dell’Ipab».

Le suore, dunque, non hanno alcun ruolo formale nell’iter per la collocazione dell’impianto. Resta il fatto che le entrate economiche destinate all’Ipab, per consentire sul proprio tetto l’installazione dell’antenna, non c’è dubbio che avranno un beneficio indiretto pure sulle Figlie di Maria Ausiliatrice. In mancanza di introiti, il mantenimento dell’immobile e l’ospitalità riservata alle suore potrebbero non essere così scontate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti