Connettiti con

Storie

Un’auto la investe a Biancavilla, adesso Monny spera di trovare casa

Pubblicato

il

monny-investita-in-via-vittorio-emanuele

Il cane è stato ferito in via Vittorio Emanuele. Ora è sottoposto alle cure presso il canile di Adrano. Appello della Lav affinché qualcuno possa adottarlo. 

 

Girovagava per il centro storico di Biancavilla, quando un’auto l’ha investita in via Vittorio Emanuele. Ferita e indolenzita, seppur non gravemente, la cagnolina randagia, dall’apparente età di un anno, è anche affetta da rogna e leishmaniosi.

Qualcuno ha dato l’allarme e, a differenza di altre volte come spesso ha lamentato e denunciato la Lega Antivivisezione, la macchina comunale che fa capo alla polizia municipale ha funzionato, dopo essere stata sollecitata dalla stazione dei carabinieri.

La normativa è stata, dunque, rispettata, sperando che l’eccezione diventi una prassi consolidata. L’animale è stato ricoverato presso il canile di Adrano gestito dalla “Nova Entra”. Adesso sarà sottoposto a cura e poi verrà sterilizzato e microchippato, come previsto dalle normative.

Il cane non ha un bell’aspetto, proprio a causa delle patologie di cui è affetto. La Lav, attraverso la responsabile catanese Angelica Petrina, spera tuttavia che a Biancavilla o nel comprensorio ci sia qualche famiglia dal cuore grande che possa adottare la piccola Monny (così è stata chiamata), dopo essere stata curata. Chiunque fosse interessato può mettersi in contatto con la Lav Catania o con i vigili urbani di Biancavilla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. monica

    30 Agosto 2016 at 18:32

    povera cagnolina, mi piacerebbe saperne di più sull’investitore, se è stato identificato se è scappato via ed in tal caso sarebbe necessario provare ad identificarlo per una punizione esemplare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

La movida oltre l’inciviltà, il gesto di un giovane: trova 50 euro e li restituisce

Un’azione “controcorrente”, nei posti del ritrovo serale di Biancavilla, spazza via certi luoghi comuni

Pubblicato

il

Pronunci la parola “movida” e a Biancavilla scatta l’automatismo dell’inciviltà diffusa. Purtroppo alle verità evidenti di un fenomeno sociale ultraventennale, si mischiano spesso –per dipingerlo come un male da estirpare– luoghi comuni, strumentalizzazioni e indignazioni a convenienza. In base alle stagioni (politiche), cambiano le visuali.

Ma al di là dei buzzurri, dei devastatori, dei violenti, dei maleducati e dei dispensatori di piscio e vomito ad ogni angolo, c’è anche ben altro panorama.

Ecco perché ci piace evidenziare il piccolo gesto compiuto da un giovane fruitore della “movida”. Il ragazzo, biancavillese, ha trovato, proprio nei luoghi del ritrovo del centro storico, una banconota di 50 euro. Avrebbe potuto intascarsela o spenderla subito in birre ed alcolici. Invece, l’ha restituita al locale, nel tentativo di risalire alla persona che l’aveva persa.

«La notte tra sabato e domenica –ci racconta questo giovane, che desidera l’anonimato perché non vuole applausi– ho trovato 50 euro all’interno del pub “B.B.King”. Li ho lasciati in cassa al proprietario con la promessa che avrebbe guardato le telecamere per risalire al legittimo proprietario».

Un gesto non scontato e che, proprio per questo, fa “notizia”, stridendo con la litania di chi vuole dipingere un’intera generazione fatta soltanto da “persi” e irrecuperabili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili