Connettiti con

Cronaca

Fuoco in un’attività di viale Europa: «Non si esclude la matrice dolosa»

Pubblicato

il

I vigili del fuoco del distaccamento di Adrano sono stati chiamati verso l’una di notte per un intervento in viale Europa, a Biancavilla. Un’attività di vendita di panini, attigua al campo sportivo “Orazio Raiti”, ha subito un incendio. In un primo momento era stato classificato come “accidentale”.

Poi, da una verifica più attenta da parte dei carabinieri della stazione di via Benedetto Croce, è stata notata una striscia, presumibilmente di liquido infiammabile, in linea con la postazione di vendita. Dettaglio che fa ipotizzare ai militari un’azione dolosa. Da qui, dunque, la serie di accertamenti investigativi, fatta scattare dai carabinieri biancavillesi, nel tentativo di chiarire meglio l’accaduto e capire se chiudere il caso o approfondire le indagini, privilegiando la pista dell’azione voluta.

Altro intervento dei vigili del fuoco è stato espletato all’ora di pranzo, sempre a Biancavilla, in via San Martino (traversa di viale Cristoforo Colombo, non lontana dall’ospedale) per l’incendio di un’auto. Non ci sono dubbi, in questo caso, sull’origine accidentale, visto che le fiamme si sono sprigionate appena dopo che il proprietario ha parcheggiato l’auto. Probabile che il fuoco sia stato generato dal motore di avviamento, a causa di un corto circuito. Il mezzo è stato danneggiato nella parte anteriore.

Nelle ultime settimane, a Biancavilla, si erano registrati altri tre incendi d’auto. Soltanto in un caso è stato provato il dolo con l’arresto dal responsabile, che ha agito per ritorsione nei confronti dello zio della sua ex convivente.

LEGGI GLI ARTICOLI

Fuoco all’auto dello zio della sua ex, denunciato pregiudicato di 46 anni

Ancora altre due auto in fiamme, in tre notti cinque veicoli a fuoco

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti