Connettiti con

Cronaca

Operaio caduto in cantiere, le puntualizzazioni dei familiari

Pubblicato

il

ospedale-cannizzaro

Restano stazionarie le condizioni dell’operaio edile 58enne di Biancavilla, soccorso in un cantiere in territorio tra Belpasso e Paternò, dopo una caduta. Sono ore di attesa per i familiari, nella speranza che si possano avere segnali di miglioramento.

Se i carabinieri della compagnia di Paternò, chiamati ad indagare sull’accaduto, hanno parlato di improvviso malore per indicare la causa dell’incidente, i familiari fanno sapere a Biancavilla Oggi che dai medici non hanno finora avuto nessuna comunicazione certa in tal senso.

Il lavoratore, risultato assunto in regola –viene anche chiarito– era salito su una scala di 4 metri. Poi l’improvvisa caduta fino ad arrivare sopra un muretto e da qui una seconda caduta per un altro paio di metri.

I primi soccorsi sono stati dati da un cognato (che lavorava con il 58enne), da un altro giovane collega e dal datore di lavoro.

Nell’impatto, l’operaio biancavillese ha riportato un serio trauma cranico e fratture in diverse parti del corpo. Adesso si trova ricoverato nel reparto di “Rianimazione” dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania, dove i familiari aspettano di ricevere notizie di miglioramento delle sue condizioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Da una cicca di sigaretta all’incendio, soccorse due ragazze a Biancavilla

Intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Greco Sicula, nel quartiere “Cristo Re”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Una sigaretta che si pensava spenta nel posacenere finisce nella spazzatura, posta in sacchetti sul balcone, al primo piano di un’abitazione. Qualche minuto e si sprigionano fiamme e fumo. È accaduto in via Greco Sicula, a Biancavilla, nel quartiere della parrocchia Cristo Re.

Sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano, che hanno messo in sicurezza i luoghi. Sul posto anche agenti della polizia locale.

Un’ambulanza del 118 con medico a bordo è stata chiamata per dare soccorso a due sorelle di 11 e 14 anni, le uniche che erano in casa. Avevano respirato i fumi e per precauzione si è preferito sottoporle all’esame medico. Per loro, comunque, nulla di grave. Non è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

Quanto alla casa, al di là dei luoghi anneriti dal fumo, per fortuna resta agibile e quindi abitabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti