Connettiti con

Scuola

“Ora di Legalità” per gli studenti dell’Itis e del liceo di Scienze umane

Pubblicato

il

ora-di-legalita3

“Ora di Legalità” a Villa delle Favare per i maturandi dell’Istituto tecnico Industriale e del Liceo delle Scienze umane di Biancavilla.

Si tratta di un progetto promosso dall’Associazione Nazionale Magistrati di Catania, l’Associazione Antiracket Antiusura “Libera Impresa”, i carabinieri, la Guardia di Finanza, la polizia e la redazione giornalistica di Ciak Telesud, emittente televisiva di Paternò.

«È un percorso –si legge in una nota– dedicato alla conoscenza, allo studio e all’approfondimento della Costituzione Italiana. Lo scopo è quello di sensibilizzare gli studenti al valore civile ed educativo della legalità, nonché delle attività svolte dalle Associazioni Antiracket dalla Magistratura e delle Forze dell’Ordine».

ora-di-legalita

L’iniziativa intende fornire «metodologie, strumenti e materiali affinché gli studenti imparino a riconoscere i propri diritti e i propri doveri per sapere scegliere, responsabilmente e senza delegare ad altri il proprio futuro e comprendano perché non è sostenibile scambiare i propri diritti con i favori».

All’appuntamento di Biancavilla erano presenti il sostituto procuratore della Repubblica di Catania, Pasquale Pacifico, il presidente di “Libera Impresa”, Rosario Cunsolo, il luogotenente delle Fiamme Gialle di Paternò, Francesco Leotta, il capo della Squadra Mobile dei Carabinieri di Paternò, Dott. Lucarelli, il dirigente del Commissariato di Adrano, Consoli, l’ispettore della Squadra mobile, Arcidiacono, il sindaco Giuseppe Glorioso.

ora-di-legalita2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scuola

“Come anime al vento”: così la scuola “Luigi Sturzo” ha ricordato la Shoah

Per la “Giornata della memoria” una mostra temporanea e la lettura di brani e testimonianze

Pubblicato

il

Mattinata intensa, commovente e, a tratti, struggente, quella vissuta nella scuola media “Luigi Sturzo” di Biancavilla, in occasione dell’inaugurazione della mostra temporanea “Come anime al vento”.

I ragazzi, guidati sapientemente dalle professoresse Cetty La Spina e Rosanna Polto, hanno dipinto delle magliette per la “Giornata della Memoria”. Magliette che sono state appese nei corridoi, lungo i quali sono stati esposti anche altri lavori.

Prima dell’inaugurazione, in aula magna alcuni alunni hanno letto , sia in italiano che in inglese, brani tratti dal romanzo della senatrice Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”, testi di canzoni e testimonianze degli atti di un processo contro i colpevoli di Auschwitz.

Hanno preso parte alla manifestazione gli assessori Enza Cantarella e Luigi D’Asero con la dirigente scolastica Concetta Drago.

Con la loro musica, i professori Coniglio e Mammoliti hanno reso ancor più toccante l’evento. La mostra rimarrà visitabile per qualche giorno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.