Connettiti con

Fuori città

Il “tour” della corale polifonica della basilica “Maria Ss. dell’Elemosina”

Pubblicato

il

corale-basilica-maria-santissima-elemosina

Serie di esibizioni, da Belpasso ad Adrano fino a Biancavilla, per il gruppo, diretto da Filadelfio Grasso e voluto nel 1992 da padre Carmelo Maglia. Un punto di riferimento per il buon canto e l’aggregazione giovanile.

 

La Corale polifonica della Basilica di Biancavilla, diretta dal maestro Filadelfio Grasso, ha vissuto un intenso periodo di attività in queste settimane che concludono l’anno.

A cominciare dall’animazione dei canti per il pontificale di santa Lucia, nella chiesa Madre di Belpasso, presieduto dall’arcivescovo di Catania, in occasione delle festività patronali in onore della patrona della cittadina etnea, alla presenza delle autorità civili e militari e di numerosi devoti che venerano la santa siracusana. La festa, in Sicilia come in tutto il mondo, apre alle festività natalizie. Un tempo erano molto diffuse “i carannuli” di santa Lucia, prendendo in considerazione i 12 giorni che intercorrevano tra la festa della santa e Natale per presagire l’andamento dell’anno nuovo.

La Corale è stata impegnata come sempre nell’animazione delle principali celebrazioni liturgiche tenutesi nella Basilica di Biancavilla, prime fra tutte l’apertura del Giubileo straordinario della Misericordia, voluto da papa Francesco, e poi la solenne Veglia della Notte di Natale.

Una esibizione durante il Gran Concerto del 26 dicembre in Chiesa Madre, insieme a numerose corali provenienti da altre parti del circondario etneo, e un concerto presso la Chiesa san Giuseppe di Adrano, nello storico quartiere omonimo, nell’ambito degli eventi previsti nel ricco programma voluto dal parroco don Nino Catalfo e dalla coordinatrice, la prof. Enza Bonomo.

Un concerto di solidarietà inoltre è stato tenuto presso il Cenacolo di via san Placido, alla presenza degli ospiti della Comunità Terapeutica Assistita, che hanno molto apprezzato i canti e soprattutto la visita di tanti giovani che hanno allietato la loro giornata creando un clima magico con le loro voci e le classiche armonie natalizie.

Gli impegni hanno lasciato spazio anche a una giornata di svago per effettuare una escursione ai crateri sommitali dell’Etna, patrimonio indiscusso della nostra terra, e nella splendida città di Taormina. Un giorno dedicato alla fraternità che caratterizza il gruppo e ha offerto la possibilità di avvicinare altri giovani e le famiglie.

La Corale, si conferma ancora, così come voluto da padre Carmelo Maglia, il prevosto che nel 1992 l’ha voluta in Basilica, e oggi incentivata da don Pino Salerno, parroco e prevosto attuale, un punto di riferimento per numerosi giovani di Biancavilla, che al suo interno possono esprimersi col canto e con la musica, intraprendendo un cammino spirituale e culturale e offrendo un servizio alla Comunità. Sono infatti numerose le celebrazioni che durante l’anno vengono animate in chiesa e all’esterno, e numerosi sono gli inviti e le partecipazioni anche in altri paesi del circondario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

Un biancavillese nominato a capo del Conservatorio Santa Cecilia di Roma

Prestigioso incarico per il prof. Antonio Marcellino, sovrintendente dell’Orchestra sinfonica siciliana

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Antonio Marcellino, biancavillese, sovrintendente dell’Orchestra sinfonica siciliana, è stato nominato presidente del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, prestigiosa istituzione fondata nel 1875 con radici che risalgono al XVI secolo. Un’istituzione che ben conosce, avendovi insegnato organologia per sei anni, dal 2010 al 2016.

La notizia è stata diffusa dalla pagina facebook del Conservatorio “Vincenzo Bellini”, dove Marcellino insegna storia della musica. Tra i primi a formulare le congratulazioni, anche l’orchestra di fiati “Toscanini” di Biancavilla.

Diplomato in pianoforte, laureato in musicologia e specializzato in paleografia e filologia musicale, Marcellino è stato anche professore a contratto nelle università “Tor Vergata”, Messina, Catania e Calabria, oltre che al politecnico internazionale di Vibo Valentia.

Attualmente è anche presidente del Festival Internazionale del Val di Noto “Magie barocche” (i cui eventi sono stati ospitati pure a Biancavilla) e membro della Commissione per la musica sacra dell’Arcidiocesi di Catania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili