Connettiti con

Cronaca

Tragedia in via Arti e mestieri: anziano trovato morto in piscina

Pubblicato

il

villetta-di-via-arti-e-mestieri

La villetta in cui si è verificata la tragedia

L’uomo, Placido Salamone di 79 anni, era ammalato e probabilmente non si è reso conto di cadere in acqua. L’allarme dato dai familiari. Inutile l’intervento del 118.

 

di Vittorio Fiorenza

Ritrovato dentro la piscina, privo di vita, nella sua villetta di via Arti e mestieri di Biancavilla. Il cadavere è quello di un anziano di 79 anni, Placido Salamone. Il ritrovamento è stato fatto di mattina presto dai familiari, gli stessi che hanno dato l’allarme.

Sul posto, inutile l’intervento di un’ambulanza del 118. È toccato ai carabinieri della stazione di Biancavilla effettuare i rilievi.

La salma, su disposizione del magistrato di turno Fabrizio Aliotta, è stata trasferita nella camera mortuaria dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania per l’eventuale autopsia.

Certo è che il corpo del pensionato non aveva segni di violenza esterni. Possibile, quindi, che sia caduto in acqua per un malore mentre era sul bordo della piscina.

Ma c’è anche un altro dettaglio non secondario: l’uomo era ammalato e, come hanno riferito gli stessi familiari ai militari, soprattutto negli ultimi giorni, era solito uscire di casa e girare in giardino, pur non godendo di una perfetta lucidità.

Probabile pure, perciò, che l’anziano sia caduto in piscina, senza rendersene conto, e che sia morto per annegamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti