Connettiti con

Cronaca

Calci, pugni e minacce alla moglie: condannato a due anni e sei mesi

La vicenda si riferisce ad una coppia di Mascalucia, la vittima si è rivolta al centro Calypso di Biancavilla

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Maltrattamenti e lesioni nei confronti della moglie. Per queste accuse, la seconda sezione penale del Tribunale di Catania (presieduta da Carmela La Rosa) ha condannato a due anni e sei mesi di reclusione un 50enne di Mascalucia. L’uomo dovrà pure risarcire la moglie e pagare le spese legali.

Una pena esemplare per una serie di episodi risalenti allo scorso anno che avrebbero trasformato in un incubo la vita della vittima. Dopo le azioni violente subite nel silenzio e nell’umiliazione, la donna ha trovato il coraggio di denunciare tutto. Si è rivolta così al centro Calypso di Biancavilla, il cui presidente, l’avv. Pilar Castiglia, ha curato l’assistenza legale, fino ad ottenere il decreto di giudizio immediato da parte del Giudice per le indagini preliminari di Catania, Sebastiano Di Giacomo Barbagallo.

Il Gip, già a febbraio, aveva specificato nel suo atto che l’uomo avrebbe costretto la moglie «a vivere in condizioni di terrore per l’incolumità propria e del figlio minore convivente». Non solo. Il 50enne avrebbe compiuto pure minacce con coltello ed «eclatanti gesti, danneggiamento e violenza verso gli arredi domestici, ove contraddetto o non assecondato nella sua volontà».

E adesso arriva la notizia della condanna, in coincidenza con la “Giornata contro la violenza sulle donne”. Segno lampante che –come sottolineano sempre le operatrici del centro Calypso– «la denuncia consente di ottenere giustizia e di liberarsi dagli abusi e dalle umiliazioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti