Connettiti con

Cronaca

Calci, pugni e minacce alla moglie: condannato a due anni e sei mesi

La vicenda si riferisce ad una coppia di Mascalucia, la vittima si è rivolta al centro Calypso di Biancavilla

Pubblicato

il

di VITTORIO FIORENZA

Maltrattamenti e lesioni nei confronti della moglie. Per queste accuse, la seconda sezione penale del Tribunale di Catania (presieduta da Carmela La Rosa) ha condannato a due anni e sei mesi di reclusione un 50enne di Mascalucia. L’uomo dovrà pure risarcire la moglie e pagare le spese legali.

Una pena esemplare per una serie di episodi risalenti allo scorso anno che avrebbero trasformato in un incubo la vita della vittima. Dopo le azioni violente subite nel silenzio e nell’umiliazione, la donna ha trovato il coraggio di denunciare tutto. Si è rivolta così al centro Calypso di Biancavilla, il cui presidente, l’avv. Pilar Castiglia, ha curato l’assistenza legale, fino ad ottenere il decreto di giudizio immediato da parte del Giudice per le indagini preliminari di Catania, Sebastiano Di Giacomo Barbagallo.

Il Gip, già a febbraio, aveva specificato nel suo atto che l’uomo avrebbe costretto la moglie «a vivere in condizioni di terrore per l’incolumità propria e del figlio minore convivente». Non solo. Il 50enne avrebbe compiuto pure minacce con coltello ed «eclatanti gesti, danneggiamento e violenza verso gli arredi domestici, ove contraddetto o non assecondato nella sua volontà».

E adesso arriva la notizia della condanna, in coincidenza con la “Giornata contro la violenza sulle donne”. Segno lampante che –come sottolineano sempre le operatrici del centro Calypso– «la denuncia consente di ottenere giustizia e di liberarsi dagli abusi e dalle umiliazioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Sequestrata dai carabinieri un’officina abusiva: denunciato un 59enne

L’uomo dovrà restituire allo Stato anche 21.850 euro di reddito di cittadinanza già percepito

Pubblicato

il

Denunciato in stato di libertà un 59enne biancavillese, con precedenti. Secondo quanto accertato dai carabinieri, deve rispondere di esercizio abusivo della professione, gestione e smaltimento illecito di rifiuti e indebita percezione del reddito di cittadinanza.

Nello specifico, l’uomo, ufficialmente disoccupato, aveva allestito, senza alcuna autorizzazione, un’officina meccanica all’interno di un garage di proprietà del padre. Un locale situato in periferia. Occupata abusivamente anche parte della strada pubblica, utilizzata per parcheggiare, su carrelli elevatori e cavalletti, le autovetture da riparare.

Lungo la via in questione, i militari hanno quindi trovato diverse automobili, parzialmente smontate e con il cofano motore aperto, nonché un furgone con il cassone alzato, suddiviso in più pezzi.

All’interno del garage sono stati, invece, rinvenuti gli “attrezzi da lavoro” e molti rifiuti speciali, tra cui parti di motori di autovetture, oli e batterie esauste.

L’officina è stata, quindi, posta sotto sequestro e i veicoli in riparazione sono stati riaffidati ai proprietari, ignari che l’attività fosse irregolare.

Lo stesso carrozziere abusivo è stato, infine, deferito anche per aver illegittimamente incassato il sussidio pubblico del reddito di cittadinanza. Al riguardo, i carabinieri hanno proceduto, coordinandosi con l’Inps, all’immediata revoca del beneficio, con efficacia retroattiva, nonché all’avvio dell’iter di restituzione di quanto indebitamente ricevuto. Il 59enne, pertanto, dovrà riconsegnare alle casse dello Stato ben 21.850,00 € riscossi tra maggio 2019 e aprile 2023.

I cittadini residenti nella zona, che d’ora in poi potranno finalmente godere del decoro urbano ripristinato in quella via, hanno ringraziato i Carabinieri per il loro operato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.