Connettiti con

Cronaca

Perseguitava l’ex convivente, arrestato per stalking un 37enne

Pubblicato

il

I Carabinieri della stazione di Biancavilla hanno arrestato in flagranza un 37enne, originario della Romania, per atti persecutori.

Una pattuglia, a seguito di una telefonata alla caserma di via Benedetto Croce da parte dell’ex compagna, anche lei rumena, è intervenuta nell’abitazione della donna, sorprendendo l’uomo mentre, ancora, la minacciava e molestava.

Nella circostanza, i militari hanno accertato che lo stalker, non rassegnandosi per la fine del loro rapporto sentimentale, già da alcuni mesi perseguitava con insistenza la donna.

L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza in attesa di giudizio per direttissima, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Si tratta dell’ennesimo intervento dei militari biancavillesi a difesa di donne maltrattate. Appena alcuni giorni fa, un bracciante agricolo di 42 anni è finito in manette per avere minacciato la moglie con una pistola. Scena a cui ha assistito il figlio minore.

Altri casi analoghi sono al vaglio dei carabinieri. Ma resta indispensabile che le donne vittime di mariti, padri e fratelli violenti vincano la paura e decidano di sporgere denuncia. Un atto semplice che consente di essere liberate da anni di soprusi e di incubi vissuti nel silenzio delle quattro mura di casa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti