Connettiti con

Cronaca

Operaio senza stipendio minaccia il suicidio dal cantiere dell’ospedale

Pubblicato

il

Come ogni mattina è andato al lavoro e ha fatto il suo ingresso nel cantiere. Ma lo sconforto e la disperazione lo hanno sopraffatto. Così, ha minacciato di buttarsi dal balcone del terzo piano del nuovo plesso ospedaliero di Biancavilla: «Non ce la faccio più, non so più come andare avanti». Un operaio 48enne di Motta Sant’Anastasia ha tentato il suicidio perché senza stipendio da molti mesi. Soltanto l’intervento dei carabinieri della stazione di Biancavilla ha fatto desistere l’uomo dalla soluzione estrema. Non un gesto provocatorio, sottolineano colleghi e sindacalisti. Ma un gesto dettato da uno stato di malessere che riguarda tutti gli operai della ditta. L’impresa è la Lotos srl di Aci Castello e il cantiere è quello della nuova ala dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

«La situazione è veramente allucinante –denuncia Domenico Morabito, dirigente della Filca-Cisl, che si è subito recato in cantiere– perché la disperazione di questo operaio riguarda tutti gli altri suoi colleghi, una quindicina, che si trovano nella stessa condizione. Noi della Cisl seguiamo il caso dallo scorso luglio. L’impresa, che ha consegnato il Sal (Stato di avanzamento lavori) ci aveva detto di avere problemi con la stazione appaltante, che è l’Asp di Catania. Ma ci aveva rassicurato che avrebbe liquidato almeno il 50% degli stipendi arretrati. Il lavoratore si aspettava una comunicazione in tal senso proprio stamattina ma non avendo avuto riscontri ha pensato di compiere quel gesto».

Il sindacalista non nasconde la sua preoccupazione. «Una situazione così drammatica –sottolinea a Biancavilla Oggi– non possiamo gestirla a lungo, l’esasperazione è palpabile. Ecco perché chiederemo una convocazione urgente all’Asp, coinvolgendo tutti i soggetti in campo e in sinergia con la Prefettura di Catania e l’Ispettorato provinciale del lavoro».

Una vicenda su cui l’organizzazione sindacale vuole chiarezza e soprattutto garanzie per i lavoratori, come specifica Nunzio Turrisi, segretario generale Filca-Cisl: «Se l’impresa non è in grado di corrispondere immediatamente quanto dovuto agli operai, chiederemo all’ente appaltante di sostituirsi nei pagamenti in maniera diretta».

«Siamo contenti che l’episodio si sia risolto positivamente per la salute e la vita dell’operaio – aggiunge Turrisi – ma resta in piedi tutta la vicenda che ha scatenato il gesto. Ancora una volta, sono i lavoratori a pagare il prezzo più alto di quella che appare una serie di inadempienze e di incapacità imprenditoriali. Il problema va risolto nel più breve tempo possibile e per questo chiamiamo tutte le parti interessate a una maggiore vigilanza e responsabilità».

Un cantiere “tormentato”, quello del nuovo plesso ospedaliero. Negli anni non sono mancati gli inghippi burocratici, stop dei lavori, furti, sabotaggi e minacce. Poi il cambio di impresa, dall’Ati Group alla Lotos, lo scorso novembre. E adesso, nonostante i lavori siano ripartiti, le mancate spettanze ai lavoratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Lite con coltello: 66enne di Biancavilla arrestato per tentato omicidio

Diverbio tra proprietari di terreni attigui, la vittima trasportata al “Maria Santissima Addolorata”

Pubblicato

il

Arrestato dai carabinieri un 66enne di Biancavilla con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Avrebbe colpito un coetaneo di Adrano con diversi fendenti. Adesso si trova rinchiuso nel carcere di Noto. I fatti sono stati ricostruiti dai militari, dopo che la vittima si è presentata nella stazione di Adrano, chiedendo aiuto.

L’uomo, che aveva vistose ferite da taglio in diverse parti del corpo e in particolare al collo e al volto, è stato immediatamente soccorso dai carabinieri. Chiamata un’ambulanza, è stato trasportato all’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla.

Secondo quanto appurato dai militari, il 66enne adranita, proprietario di alcuni appezzamenti in contrada Irveri, aveva avuto un diverbio con il padrone dei terreni attigui, un 66enne di Biancavilla, per questioni relative ai confini dei fondi. La discussione si era però tramutata in una vera e propria lite, al termine della quale il biancavillese aveva usato un coltello da cucina, ferendo l’altro. Ferite con una prognosi –stabilita dai medici di Biancavilla– in 10 giorni.

Svolte le indagini, i carabinieri hanno quindi rintracciato l’aggressore nella sua abitazione. Qui è stato trovato con la maglietta ancora sporca di sangue ed in possesso del coltello appena utilizzato. Immediato l’arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili