Connettiti con

Cronaca

Alfio Longo ucciso dalla moglie, la rapina è stata una messinscena

Pubblicato

il

alfio-longo-e-la-moglie-enza-ingrassia

Alfio Longo con la moglie Enza Ingrassia

La donna ha confessato: «Aveva scatti violenti, ero stanca di subire». Clamoroso colpo di scena nelle indagini sull’uccisione del 67enne alle “Vigne”. La pista dei balordi che assaltano la casa a scopo di rapina non ha retto. 

 

di Vittorio Fiorenza

Macché rapina. Nessuna irruzione di balordi. È stata tutta una messinscena. Ad uccidere Alfio Longo, pensionato di 67 anni, nella sua villetta delle Vigne di Biancavilla, sarebbe stata la moglie, Enza Ingrassia, 64 anni.

La donna, pressata dagli investigatori, avrebbe confessato nella notte. Non sono ancora chiari i dettagli e le motivazioni di questo gesto. Ma non ci sarebbero rapinatori, né italiani né stranieri.

Ecco che così si spiegherebbe il dettaglio dei cani che non hanno abbaiato o che i vicini non abbiano sentito nulla, fino al mattino quando la donna ha cominciato ad urlare. Ma, stando alla clamorosa svolta, era soltanto l’inizio di una farsa, che però non ha retto al lungo.

Maggiori dettagli saranno forniti nella mattinata in una conferenza stampa alla Procura di Catania. Attesa per questa mattina all’ospedale “Garibaldi” anche l’autopsia sul corpo della vittima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti