Connettiti con

Cronaca

Soccorsi mobilitati per salvare la vita di un neonato in stress respiratorio

Pubblicato

il

termoculla

La macchina dei soccorsi, questa volta, si è mobilitata ed ha funzionato. Dall’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla corsa di emergenza verso l’ospedale “Santo Bambino” di Catania per salvare un neonato da insufficienza respiratoria.

Come ha raccontato il quotidiano “La Sicilia”, il piccolo, a causa di prematurità alveolare ha accusato da subito stress respiratorio. Da qui, l’iter dei soccorsi attraverso il 118. Resisi conto della gravità, il personale del reparto di Biancavilla ha intubato e stabilizzato il neonato. Poi la chiamata all’Utin del “Santo Bambino”, che fa riferimento al policlinico. Quindi un’ambulanza attrezzata con equipe specializzata in interventi ad alto rischio ha permesso il trasferimento a Catania, dove il piccolo è stato sistemato in una speciale termoculla.

Il soccorso è riuscito, la macchina delle emergenza ha funzionato. Dopo il caso della piccola Nicola, una notizia di buona sanità.

Di contro vanno anche ricordate due vicende, ancora aperte da un punto di vista processuale, che hanno riguardato il reparto di “Ginecologia ed ostetricia” di Biancavilla.

LEGGI L’ARTICOLO

Due gravidanze con esiti mortali, l’Asp di Catania finisce in Tribunale

Vicende raccontate nelle settimane scorse da Biancavilla Oggi che riguardano la morte di una neonata dopo ore di agonia e il caso di decesso intrauterino. Secondo i familiari, alla base ci sarebbero gravi negligenze, errori e ritardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Volontari della parrocchia dell’Idria a sostegno degli alunni della “Sturzo”

“Pomeriggio insieme”: intesa tra padre Giovambattista Zappalà e la preside Concetta Drago

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Nel periodo post pandemia si è assistito ad un aumento di ragazzi con difficoltà nell’ambito scolastico. Una delle motivazioni possibili è da attribuire alla didattica a distanza. La Dad ha lasciato, infatti, segni evidenti nella fascia adolescenziale.

Nasce in questo contesto, a Biancavilla, l’iniziativa di collaborazione tra la parrocchia Santa Maria dell’Idria e la scuola media “Luigi Sturzo”.

Alcuni volontari della parrocchia, tra cui docenti, ex docenti e professionisti, si sono resi disponibili a dedicare un po’ del loro tempo per gli alunni che vogliono migliorare il loro bagaglio culturale. 

La proposta di collaborazione rivolta dal parroco don Giovanbattista Zappalà e la disponibilità dei volontari sono state accolte favorevolmente e con spirito di grande cooperazione dal dirigente scolastico Concetta Drago. 

Il gruppo di volontari è stato denominato “Pomeriggio insieme”, volendo rimarcare dunque che il suo scopo non è solo arrivare ad una formazione scolastica. Ma anche stare assieme, svolgendo attività ricreative, oltre quelle legate allo studio. 

Le attività si svolgeranno ogni settimana, da lunedì a venerdì, dalle 15.30 alle 17.00 e saranno aperte a tutti i ragazzi che lo vorranno. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in parrocchia o a scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili