Connettiti con

News

Pista di elisoccorso all’ospedale, Enac: «L’area scelta non è idonea»

Pubblicato

il

ospedale-area-per-elisuperficie

L’area attigua al nuovo plesso ospedaliero di Biancavilla in cui, secondo l’Asp, dovrebbe sorgere la pista per l’elisoccorso

di Vittorio Fiorenza

La sua progettazione non è ancora esecutiva, ma i primi passi compiuti dall’Asp di Catania hanno indicato un’area per la sua costruzione che presenta grossi limiti di funzionalità.

Il progetto riguarda la realizzazione di una base di atterraggio e decollo, in casi di emergenza, per gli elicotteri del servizio sanitario del 118. L’area individuata è attigua alla nuova ala (ancora da completare) dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla.

I dubbi e i limiti operativi sono contenuti in una missiva riservata dell’Enac (l’Ente Nazionale di Aviazione Civile), datata febbraio 2013, di cui Biancavilla Oggi ha avuto modo di avere in questi giorni.

La lettera è indirizzata all’architetto Angelo Contraffatto dell’Asp di Catania, da cui dipende l’ospedale biancavillese, e per conoscenza è stata inoltrata pure alla Direzione aeroportuale di Palermo e alla Direzione Operazioni Napoli.

Il direttore Enac, Roberto Vergari, fa presente che, sulla base dei documenti esaminati, «l’orientamento previsto per la realizzazione dell’elisuperficie evidenzia una superficie di decollo ed atterraggio priva di ostacoli per 80 gradi, mentre per 260 gradi si evidenzia una pendenza del 22%, determinata dalla necessità di superare il terrapieno presente nell’area».

L’Enac è più precisa: «Il permanere di tale situazione potrebbe pertanto limitare l’operatività della piazzola per le operazioni di atterraggio e di decollo ad una sola direzione. A tale scopo si riterrebbe opportuno che venisse verificato in modo più accurato il profilo piano altimetrico in relazione alle superfici di avvicinamento e decollo ed eventuali ostacoli da rimuovere e/o segnalare».

Stando così le cose, l’opera risulterebbe confinata ad un ristretto cono di operatività. Va anche detto che la comunicazione dell’Enac rientra nell’ambito dei buoni rapporti tra enti pubblici perché il direttore Vergari precisa subito che «la normativa vigente in materia di elisuperfici non prevede che l’Enac esprima pareri o formuli approvazioni in ordine a progetti di realizzazione di elisuperfici, in quanto il giudizio di idoneità all’uso di un’elisuperficie è demandato al gestore della stessa e, in talune fattispecie, verificato dall’Enac sullo stato di fatto e non sullo stato di progetto».

Certo è che l’Asp non può non tenere conto di queste osservazioni preliminari. Alla bozza di progetto, quindi, vanno apportate delle modifiche e, se non fossero possibili o sufficienti per superare le criticità, non va esclusa la possibilità di dovere trovare un’altra area.

L’opera è da anni sollecitata dall’associazione “Giuseppe Greco” attraverso petizioni che hanno raccolto oltre 7mila firme tra Biancavilla, Adrano e Santa Maria di Licodia. Una battaglia cominciata all’indomani della morte, in un incidente autonomo con la moto vicino la scuola media “Luigi Sturzo”, del giovane Giuseppe Greco. Il padre, Carmelo, chiede da tempo la costruzione di una base per l’elisoccorso. In più occasioni, dall’Asp è stato sempre risposto che la realizzazione è successiva al completamento della nuova struttura ospedaliera. Il cantiere resta bloccato da marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno mandata in frantumi

Distrutta in via Romagnosi la targa intitolata ad una vittima delle foibe nel “Giorno del ricordo”

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

La lapide marmorea dedicata a Salvatore Furno (vittima biancavillese delle foibe) è stata frantumata. I pezzi sono a terra, in via Romagnosi. La targa commemorativa era stata affissa, per volere dell’amministrazione comunale, nel luogo i cui aveva abitato Furno, nato nel 1901 e finito nelle foibe nel 1945.

L’affissione della lapide era avvenuta nel “Giorno del ricordo” con la partecipazione di alcuni pronipoti di Furno, che aveva lasciato Biancavilla nel 1933 per andare a fare l’insegnante.

Il sindaco Antonio Bonanno è stato informato dell’accaduto. Il gesto non sarebbe da collegare ad un’azione vandalica. Si sospetta di qualcuno che ha compiuto l’atto in modo sconsiderato, sulla base di segnali che erano stati notati fin dal giorno della cermonia del 10 febbraio.

Da parte del Comune, secondo quanto apprende Biancavilla Oggi, c’è l’impegno da subito a realizzare una nuova targa e ricollocarla nella stessa parete dell’abitazione che fu di Salvatore Furno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili