Connettiti con

Cronaca

Furto in una casa di via dei Peloritani, i vicini: «Sono stati quattro ragazzi»

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Ladri d’appartamento di nuovo in azione, in pieno giorno, a Biancavilla. La casa presa di mira dai ladri è una di quelle di via dei Peloritani, la strada che da piazza Don Bosco porta in contrada Pozzillo. I proprietari erano usciti per andare a fare la spesa. Un’assenza, la loro, di qualche ora. Al rientro, hanno trovato l’abitazione letteralmente a soqquadro. È successo nel pomeriggio e ancora è presto per avere un elenco esatto delle cose mancanti. Da una prima verifica, i proprietari hanno visto che mancano oggetti in oro ed altri preziosi, oltre a soprammobili che i ladri pensavano fossero di valore.

Gli indizi in possesso dei carabinieri è che i ladri erano almeno quattro. Sono stati alcuni vicini, come hanno raccontato ai militari dell’Arma, a notare quattro ragazzi vicino la casa in cui è stato compiuto il colpo, pur non pensando che potessero avere cattive intenzioni. Invece hanno prima tentato di forzare il cancelletto di ingresso. Poi, non riuscendoci, sono andati nella parte posteriore dell’immobile e, tagliando la recinzione che separa la proprietà dalla linea ferrata della Fce, sono entrati nell’area che circonda la casa e da qui sono riusciti ad aprire il portone.

Hanno passato in rassegna tre stanze, mettendo tutto sotto sopra. Non sono passati in tutte le stanze. Evidentemente hanno agito in pochi minuti e quando hanno trovato gli oggetti preziosi sono fuggiti via.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo per effettuare i rilievi di routine e acquisire la testimonianza dei vicini che avevano notato quei quattro ragazzi.

Certo è che azioni di questo tipo, ormai a Biancavilla si fanno con disinvoltura e, come in questo caso, pure in pieno giorno. Tra gli ultimi, analoghi episodi, quello compiuto in un’abitazione di via Marco Botzaris alcune settimane fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Volontari della parrocchia dell’Idria a sostegno degli alunni della “Sturzo”

“Pomeriggio insieme”: intesa tra padre Giovambattista Zappalà e la preside Concetta Drago

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Nel periodo post pandemia si è assistito ad un aumento di ragazzi con difficoltà nell’ambito scolastico. Una delle motivazioni possibili è da attribuire alla didattica a distanza. La Dad ha lasciato, infatti, segni evidenti nella fascia adolescenziale.

Nasce in questo contesto, a Biancavilla, l’iniziativa di collaborazione tra la parrocchia Santa Maria dell’Idria e la scuola media “Luigi Sturzo”.

Alcuni volontari della parrocchia, tra cui docenti, ex docenti e professionisti, si sono resi disponibili a dedicare un po’ del loro tempo per gli alunni che vogliono migliorare il loro bagaglio culturale. 

La proposta di collaborazione rivolta dal parroco don Giovanbattista Zappalà e la disponibilità dei volontari sono state accolte favorevolmente e con spirito di grande cooperazione dal dirigente scolastico Concetta Drago. 

Il gruppo di volontari è stato denominato “Pomeriggio insieme”, volendo rimarcare dunque che il suo scopo non è solo arrivare ad una formazione scolastica. Ma anche stare assieme, svolgendo attività ricreative, oltre quelle legate allo studio. 

Le attività si svolgeranno ogni settimana, da lunedì a venerdì, dalle 15.30 alle 17.00 e saranno aperte a tutti i ragazzi che lo vorranno. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in parrocchia o a scuola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili