Connettiti con

Cultura

Fondò il “Lady’s club” nella Biancavilla del ’69: addio a Franca Portale

«Non eravamo femministe, ma quando andammo al cinema da sole fummo ritenute rivoluzionarie»

Pubblicato

il

Una donna di garbo, una donna d’altri tempi. Franca Portale si è spenta all’età di 87 anni. Appartenente ad una famiglia che vanta illustri biancavillesi nell’ambito delle professioni e della cultura, la signora Franca era stata tra le fondatrici del “Lady’s club”.

Era il marzo del 1969 e la costituzione di un circolo formato da sole donne – in gran parte casalinghe – sembrò un atto ultramoderno.

In occasione del trentennale della fondazione, la stessa Portale raccontò al Giornale di Sicilia: «L’idea di un’associazione femminile è venuta dalla voglia di avere degli spazi oltre le mura domestiche. Non eravamo delle femministe. Nel ’69, a Biancavilla, l’associazionismo era un monopolio maschile».

Era un’epoca di profonde trasformazioni sociali e persino in quella Biancavilla contadina e clericale, patriarcale e maschilista, soffiava il vento del cambiamento.

Ancora la viva voce di Franca Portale: «Quando addirittura un nutrito gruppo di socie decise di andare al cinema, senza essere accompagnato dai mariti o dai fratelli, andando contro una consuetudine ben radicata, fummo considerate delle rivoluzionarie. Il Lady’s club, nel suo piccolo, diede un impulso all’emancipazione delle donne biancavillesi».

Negli anni, il circolo si è distinto per incontri ed attività culturali, formative e ricreative, dalla poesia alle rappresentazioni presso il teatro greco di Siracusa. Un’occasione -ricordava la signora Portale – «non per pettegolare, ma per “fare salotto”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cultura

“Nero su Bianco”, la nostra casa editrice approda alla distribuzione nazionale

Vittorio Fiorenza: «Un importante traguardo che conferma la qualità della nostra proposta culturale»

Pubblicato

il

Un ulteriore traguardo raggiunto dalla nostra casa editrice. Nero su Bianco approda alla distribuzione nazionale: ciò consentirà una più ampia diffusione dei nostri libri e una maggiore facilità di reperimento e gestione degli ordini.

Un accordo è stato siglato con Terminal Distribuzione srl, società con sede a Bologna tra le più importanti nel panorama editoriale italiano. I nostri volumi avranno così accesso a tutte le librerie del Paese (a cominciare da Mondadori e Feltrinelli), ma anche alle biblioteche sparse in tutto il territorio nazionale.

«È un obiettivo – sottolinea il direttore editoriale Vittorio Fiorenza – che certifica ancora una volta la qualità della nostra proposta culturale e che sancisce il completamento dei requisiti di una casa editrice che, seppur piccola e indipendente, si distingue in un mercato di nicchia con l’apprezzamento e la partecipazione di autorevoli studiosi e ricercatori».

«Un traguardo – specifica Fiorenza – reso possibile dai nostri autori, competenti e originali, che ci hanno consegnato pagine inedite della nostra storia, delle nostre tradizioni, del nostro dialetto. E certamente da un pubblico attento, curioso e sempre più numeroso».

“Libri con la Sicilia tra le righe” è il motto della casa editrice fondata a fine 2017 da Vittorio Fiorenza, che ha riservato una particolare attenzione a Biancavilla. Una ventina di titoli al momento in catalogo, gran parte dei quali dedicati alla nostra città. Tutti reperibili sul nostro store online NeroSuBiancoEdizioni.it ma anche presso il supermercato Decò di viale dei Fiori, che da alcuni mesi ha consentito di intercettare e raggiungere un nuovo segmento di lettori. Restano attivi gli altri tre punti vendita di Biancavilla (Edicola Verzì, Tabacchi Atanasio, cartolibreria Cart & Game), oltre a quelli di Adrano e Catania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti