Connettiti con

Politica

Dalla Regione 231mila euro per il teatro comunale “La Fenice” di Biancavilla

Il finanziamento servirà a riqualificare gli impianti della struttura, che conta 358 posti a sedere

Pubblicato

il

Sono fondi che serviranno ad interventi di riqualificazione degli impianti di riscaldamento, antincendio, elettrico e di illuminamento. Per quest’ultimo è prevista l’installazione nella sala di punti luce a led che favoriscono il risparmio energetico.

Ammontano a 231mila euro, destinati al teatro “la Fenice”, che conta 358 posti tra platea e tribuna. Sono fondi assegnati al Comune di Biancavilla dalla Regione, nell’ambito del “Patto per lo Sviluppo – Teatri di Sicilia”.

Biancavilla conquista così un altro finanziamento “sterno”. I lavori dovrebbero iniziare nel mese di aprile.

«Una volta ultimati gli interventi – prosegue il primo cittadino – sarà nostra cura puntare a una programmazione che superi in maniera graduale la separazione sociale subìta in questi anni di pandemia. Il teatro, per una città come la nostra che ha la fortuna di possederne uno, è un motore culturale che riesce a formare le nuove generazioni e, nel contempo, allieta i più adulti. Ringrazio la Regione Siciliana per l’interesse che dimostra per i teatri siciliani sparsi in tutto il territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti